Colori d’autunno

Annunci

Recuperi

Blog di Andreas Formiconi

Chi è rimasto indietro in #ltis13 può recuperare in #loptis

Con la fine della scuola iniziano a fare capolino “quelli che ora recupero”. Benissimo, il laboratorio #loptis serve anche a questo.

Può essere un buon incipit quello di Fabrizio, dove chiede esplicitamente se c’è qualcuno che vuole procedere in compagnia, ed in altri successivi, per esempio quello dove condivide delle idee interessanti sulla mappa dei partecipanti. Provvedo a informare coloro che mi hanno scritto per email.

Nel frattempo qui si va avanti con un costante e poco appariscente lavoro di ristrutturazione, anche se un po’ rallentato da beghe ordinarie di lavoro.

Si va ristrutturando la barra a destra. È apparsa una pagina di iscrizione che riguarderà i nuovi arrivi, previsti in settembre-ottobre – ne riparleremo. La procedura di iscrizione è comunque già funzionante e può accogliere nuovi esporatori solitari. Tuttavia riguarda coloro che sono stati iscritti nel cMOOC #ltis13, che…

View original post 73 altre parole

Grazie, prof.

sabinaminuto

“… se c’è un lusso che veramente tutti possiamo concederci ad libitum è proprio quello di imparare sempre e sempre di più; questa è l’unica droga buona. Sì, è proprio una droga perché crea assuefazione: più impari e più vorresti imparare. Ma attenzione, funziona anche alla rovescia: più rinunci e meno puoi imparare. Questa è la missione fondamentale degli educatori: innescare il processo virtuoso. E non si può predicare bene e razzolare male Quindi nessuna rinuncia!”

“tutti siamo principianti, lo siamo stati e in qualche aspetto lo siamo sempre. Einstein era un principiante prima di porre mente ai problemi che lo hanno interessato. E stai pur sicura che tutti i grandi creatori – non i fanfaroni che popolano i media – si sono sentiti principianti per tutta la vita, perché, ossessionati dal desiderio di conoscere, dopo ogni problema risolto hanno visto nascere un’altra manciata di problemi da risolvere. Coloro che…

View original post 172 altre parole

Gioconda luce

"ladivinafamiglia"

 

Gioconda luce

che trastulli col cielo

col tuo arrivo

strabordano i colori

dell’arcobaleno nella stanza;

il male sarà ed è il nostro perenne

pensiero

ma è la gioia gioiosa

la nostra ferma  compagnia.

 

Il senso del perdono esce spontaneo

dalla contentezza d’essere vivo

ed io ho mani da stringere

ed occhi a cui sorridere;

le nostre  gambe danzano

come stecche leggere

d’acciaio

incrociando i passi degli altri.

 

Gioconda luce

che hai portato l’irrorazione

dentro i muri,

dietro le finestre,

nei cortili e nelle piazze comuni,

io ti amo

e ti ringrazio.

 

Che tu sia benedetta,

amica nostra.

 

 

View original post

“rio bo” e le altre…

"ladivinafamiglia"

  

Tre casettine
dai tetti aguzzi,
un verde praticello,
un esiguo ruscello: rio Bo,
un vigile cipresso.
Microscopico paese, è vero,
paese da nulla, ma però…
c’è sempre disopra una stella,
una grande, magnifica stella,
che a un dipresso…
occhieggia con la punta del cipresso
di rio Bo.
Una stella innamorata?
Chi sa
se nemmeno ce l’ha
una grande città.

Aldo Palazzeschi 

View original post

#mLearnCon Debriefing

Classroom Aid

Many readers eyeing on mobile learning should know the #MlearnCon was just held last week, although it is mainly for enterprise learning and training, education stakeholders could learn from it too.  CEO of Easygenerator Kasper Spiro (@KasperSpiro) gave some good summary and highlights on the best sharing. (the following lists link to the posts worth your reading – with an intention of keeping it short)

#MlearnCon Recap: Where are we now with mLearning?

First a general observation. I found the atmosphere this year different from last year. Last year it was filled with expectation, a ‘it is going to happen’ atmosphere. This year it was much more ‘I know I need to do something with mobile, but I don’t know where or how to begin’.

I attended a whole bunch of case study sessions (I posted mind maps about the most of them) and I went to the DemoFest where 33 mLearning implementations where shown. Here…

View original post 402 altre parole

Nuovi orizzonti di quARte

Emotional Mapping of Museum Augmented Places

di Daniela Biganzoli

quARE’ da poco terminato il Convegno di quARte dal titolo “Arte Quantistica e Realtà Aumentata:verso orizzonti di ben-essere” tenutosi con successo a Casciana Terme, nella bella Toscana. Una dettagliata descrizione della Manifestazione, articolata su tre giornate ricche di eventi, la potrete trovare nell’articolo scritto da Giuliana Guazzaroni, responsabile della sezione riguardante la Realtà Aumentata, mentre le Relazioni presentate nella stupenda sala delle Terme si possono trovare qui

View original post 483 altre parole

La fourmi, l’araignée et l’algue.

existence !

La ludique est la pensée qui se joue des contraires. Dès que l’on dit « c’est impossible », elle dit : « ça m’intéresse ». Ce qu’elle veut, c’est changer de point de vue. Au lieu de se demander ce que je pense du mur, elle se demande ce que le mur penserait de moi. Elle adore prêter la pensée, trouver des conseils dans les choses, ou dans les animaux, qui nous présentent tous les possibles. Lequel choisirons nous ?

La fourmi par exemple dit qu’il faut toujours choisir.

Imaginez une fourmi qui monte dans un arbre. A chaque fois, la fourmi est obligée de choisir sa branche, et d’abandonner toutes les autres. On ne monte jamais que sur une seule branche. Vous me direz que la fourmi peut toujours redescendre puis  remonter le long d’une autre branche. C’est parfaitement possible, mais sa trajectoire, demeure alors linéaire. La ligne de sa vie revient sur ces pas…

View original post 1.000 altre parole

Foto di fine corso

amentia verna

Fabrizio (Bartoli) lavora da qualche giorno alla nostra nuova mappa, che è pure interattiva, oltre ad essere esteticamente molto carina. Io posso metterla qui solo come immagine, nell’attesa speranzosa che Fabrizio non solo la renda pubblica, ma anche ci spieghi come fa.

Mappa_iscritti_cMOOC_2013_jpeg

Monica Terenghi invece ha spiegato tempo fa come ha fatto a fare la sua foto di classe. Volevo ribloggare il risultato, ma non ho trovato il magico tastino “reblog”, pur essendo il blog di Monica un WordPress. Forse Costantino, che è il nostro esperto di riblogging, mi spiega come fa??
Questo qua sotto è uno screenshot. Un’istantanea, insomma.
Cliccate il link per vedere la versione interattiva e le istruzioni.

Puzzle iscritti di Monica Terenghi

In un modo o nell’altro, siamo carini…

View original post

Nativi digitali? No grazie

Apprendere e Insegnare ad Apprendere

nativi-digitali-copypaste
Si continua a mistificare le metodologie didattiche, fecendoci credere di essere gli ultimi arrivati e di aver tutto da imparare
Ne è un esempio Paolo Ferri, da tutti stimatissimo esperto di Didattica Digitale, nel suo ultimo articolo, parlando di Nativi Digitali e di Flipped Classroom come nuova metodologia didattica “rivoluzionaria”
Se è vero che l’apprendimento informale è oggi molto facilitato dall’utilizzo delle Devices, è altrettanto confutabile che siano una scoperta dei Paesi anglosassoni i benefici di una didattica nn-erogativa, di cui abbiamo anticipato i presupposti fin dal secolo scorso nella Scuola italiana, con quella di Barbiana in testa
Ma quello che appare inaccettabile è ridurre il Gap solo ad una carenza di infrastrutture, magnificando l’operato del Miur attraverso le sue istituzioni ed Enti preposti alla formazione dei Docenti
E’ quanto di più falso, visto che in 17 anni nessun Ministro (e di conseguenza nessun decreto del Ministero) ha mai…

View original post 555 altre parole

GLHI versus GLI: come cambia il Gruppo di Lavoro Handicap d’Istituto [II parte]

Speculum Maius

L’articolo in questione è stato pubblicato sul sito dei Genitori Tosti con il titolo “Vecchi” e nuovi compiti del GLI (già GLHI) e comincia così:

Il sacro furore che sembra pervadere il MIUR e i suoi dirigenti in merito alla questione dei Bisogni Educativi Speciali (BES) sta incontrando comprensibili resistenze e, al tempo stesso, sta rivelando l’ignoranza che tanta parte della scuola ha rispetto ai processi di integrazione e agli organi inter-istituzionali che li devono attuare. In un post introduttivo sulla questione, scrivevo… [continua a leggere]

Non vi meraviglierete, no? Lo sapete che sono una donna dispersa tra i blog 😉

PS: vi ricordo che questo post fa parte del “filone” di riflessione La bacchetta magica dell’inclusione

View original post

Partecipare/osservare l’evento online, 23 giugno 2013

amentia verna

Incollo qui le istruzioni di Fabrizio:

Chiacchierata online, in inglese, sul cMOOC itis13 su learning2gether. Chi vuole intervenire, parlare, ascoltare, curiosare, clicchi sul link seguente un po’ prima delle 16.00. http://learningtimesevents.org/webheads/

L’incontro è sulla piattaforma di BlackboardElluminate. Per chi non ha familiarità con la procedura (molto semplice) di accesso: il click sul link avvia o scarica java sul pc e poi fa il download del file di accesso (pochi secondi) che bisogna cliccare per eseguire. Date un nome utente e appena entrati nella ‘stanza’ effettuate il controllo speakers-microfono cliccando su audio wizard, se avete difficoltà a sentire o parlare. Per salvare link dalla chat o slide dalla lavagna ci sono comandi appositi sul menù in alto a sinistra o si usano i tasti ctrl+c ctrl+v per il copia-incolla sul pc. Happy talking!

View original post

Mio figlio è un Remigino

LE.TE. Le Educazioni Tecnologiche

Il termine remigino è antico, deriva da San Remigio che si festeggiava il primo ottobre: data che un tempo rappresentava il primo giorno di scuola. Remigini, dunque, erano tutti i bambini che per la prima volta andavano a scuola elementare.

Image

Ebbene, il mio terzo figlio è un remigino.

Il 20 u.s.  insieme ai suoi compagni ha salutato, con una bella festa, la scuola dell’infanzia che tre anni fa l’ha visto arrivare  piccolo, impaurito e piagnucolone e che ora lo vede pìù sicuro e responsabile. Quanta gioia nel momento in cui ha ricevuto il cappello, quanto orgoglio per essere diventato  “grande”… 

Eppure , lo so bene che  nel profondo del suo cuoricino ha un pò paura.  Durante il periodo del raccordo con la scuola primaria , più di una volta mi ha ripetuto “Non voglio andare alla scuola “mentale”, intendendo  naturalmente “elementare”.

Quante emozioni ci regala il futuro: l’impazienza, l’eccitazione, i…

View original post 335 altre parole

c.v.d.

studiaconme

Eccolo il campione di squadra!

Speriamo che la “campionessa” eguagli…

Luigi scemo

 Scherma: Luigi Samele d’oro, Italia vince europeo nella prova a squadre

Decisivo l’atleta foggiano, che ha concluso l’ultimo turno salendo in pedana contro Szilagyi, sul punteggio di 40-38 per gli azzurri, e chiudendo sul 45-40
Alessandro Tosques21 giugno 2013
Foto: Federazione SchermaFoto: Federazione Scherma

Ennesima soddisfazione per il nostro Luigi Samele. Lo sciabolatore foggiano, ha infatti vinto la medaglia d’oro agli Europei di Zagabria, nella prova a squadre. Insieme ad Aldo Montano, l’argento olimpico Diego Occhiuzzi e il giovane Enrico Berrè, Samele ha trionfato battendo in finale l’Ungheria del campione olimpico Aron Szilagyi.

Decisivo proprio il nostro atleta, che ha concluso l’ultimo turno salendo in pedana contro Szilagyi, sul punteggio di 40-38 per gli azzurri, e chiudendo sul 45-40. Una vittoria straordinaria, giunta dopo aver eliminato la Francia ai quarti (45-43) e la Romania in semifinale (45-33), nonostante un Montano…

View original post 43 altre parole