via 10 Libri per bambini da leggere in inverno — Scuolainsoffitta

L’inverno è un’ambientazione ideale per trasmettere l’idea di lettura: camino, divano, fuori nevica, una tazza di cioccolata e un bel libro. Sicuramente la stagione fredda invoglia a leggere e ai bambini possiamo proporre libri sull’inverno che li invoglino a scoprire meglio questa bella stagione e cosa avviene nella natura. Questa è la mia selezioni di…

via 10 Libri per bambini da leggere in inverno — Scuolainsoffitta

Annunci

Le dirette della Scienza: il suono sotto vuoto, leve e condensatori fai da te. — La Fucina delle Scienze

di Alfonso D’Ambrosio Ripropongo i video di alcune dirette della Scienza. Leve E’ utile riflettere su baricentro e sulla bassa della leva stessa! Condensatore fai da te: Il suono sotto vuoto Spiegazione Il suono per propagarsi ha bisogno di un mezzo materiale. L’intensità sonora dipende dalla densità del mezzo, per cui se diminuiamo…

via Le dirette della Scienza: il suono sotto vuoto, leve e condensatori fai da te. — La Fucina delle Scienze

«Quanti soli dell’aurora hanno veduto» – Yvan Goll

Poesia in Rete

Camille Claudel, La Valse, 1901, Musée Rodin, Paris

Quanti soli dell’aurora hanno veduto
Il loro riflesso nel nostro quadruplo occhio!
E la modellatura del giorno era rimessa al nostro arbitrio

Alla pura invenzione dell’amore
La rugiada doveva la sua durata

E dove tifoni si pascevano di fiere della giungla
E gettavano le loro lunghe ali gialle
Attorno a isole oscillanti

Persino là la nostra viva statua d’amore resisteva
Il tuo sorriso diletta
Scioglieva gli enigmi piú oscuri

Yvan Goll

(Traduzione di Lia Secci)

da “Erba di sogno”, Einaudi, Torino, 1970

∗∗∗

«Wieviele Morgensonnen haben ihr Ebenbild»

Wieviele Morgensonnen haben ihr Ebenbild
In unserem Vieraug erschaut!
Und des Tages Gestaltung stand unsrer Willkür anheim.

Der reinen Erfindung der Liebe
Verdankte der Tau seine Dauer

Und wo Taifune an Urwaldgetier sich mästeten
Und ihre langen gelben Flügel
Um schwankende Inseln warfen

Selbst da hielt unser lebend Liebesdenkmal stand
Löste dein Lächeln…

View original post 14 altre parole

Ma perché usare OpenSCAD?

Blog di Andreas Formiconi

La matematica non è popolare. Lo si vede anche dal gradimento dei post in cui fa capolino. La cosa non mi stupisce e non mi scompone. Parlo quindi ancora di OpenSCAD: perché usarlo? Perché la matematica fa bene alla salute mentale. E perché con OpenSCAD si possono fare cose impossibili con altri sistemi di modellazione, siano essi facili alla Tinkercad o difficili alla Blender. E perché è un bellissimo modo di esplorare le potenzialità didattiche del coding invece di disputarne a vanvera.  Faccio un esempio. Prendiamo questi ornamenti natalizi.

rombicosidodecaedri-ornati-ricostruiti-2.jpg

Li ho trovati in Thingiverse. Impossibile farli se non per via matematica. Ecco il modello in OpenSCAD:

rombicosidodecaedro-ornatoL’autore l’ha ricavato dal rombicosidodecaedro, uno dei 13 poliedri archimedei. Mi sono divertito a ripulire il codice dagli ornamenti per ottenere un modello stampabile del poliedro originale (ottimo esercizio):

rombicosidodecaedro

Ottenendo questo risultato:

rombicosidodecaedri-ricostruiti-Kloner3D.png

O più da vicino:

rombicosidodecaedro-ricostruito.jpg

Il popolo di Facebook…

View original post 171 altre parole

La rosa – Jorge Luis Borges — Poesia in Rete

A Judith Machado La rosa, l’immarcescibile rosa che non canto, quella che è peso e fragranza, quella del buio giardino a notte alta, quella d’ogni giardino e d’ogni sera, la rosa che per arte d’alchimia nasce di nuovo dalla tenue cenere, la rosa dei persiani e dell’Ariosto, quella ch’è sempre sola, quella che è sempre […]

via La rosa – Jorge Luis Borges — Poesia in Rete

Où y a-t-il le plus de prisonniers dans le monde ? — Aphadolie

Carte mondiale du taux d’incarcération par pays Dans le monde, plus de 10 millions de personnes sont actuellement enfermées dans une prison. Alors que ces détenus sont condamnés ou en attente de leur procès et que les droits de l’Homme ne sont pas toujours respectés, une carte montre dans quels pays le taux […]

via Où y a-t-il le plus de prisonniers dans le monde ? — Aphadolie

Raspberry e Scratch: misurare le distanze con il sensore ad ultrasuoni (lezione 22) — La Fucina delle Scienze

di Alfonso D’Ambrosio alfonsodambrosio@yahoo.it -In questa lezione impareremo a misura le distanze degli oggetti da noi utilizzando il sensore ad ultrasuoni (nello specifico il modello HC SR04). Nella successiva lezione vedremo alcune applicazioni didattiche con il sensore ad ultrasuoni, facendo parlare, in particolar modo, alcune relazioni svolte dai miei studenti nel corso degli ultimi 2…

via Raspberry e Scratch: misurare le distanze con il sensore ad ultrasuoni (lezione 22) — La Fucina delle Scienze

Internet of Things (IoT): un’esperienza partendo da zero (parte 1) — La Fucina delle Scienze

Premessa Poco più di venti anni fa mi sono occupato di ricerca in campo ambientale all’università. Una delle attività che seguivo era il monitoraggio di un corso d’acqua da un punto di vista chimico per valutarne lo stato di qualità. Ricordo che periodicamente mi recavo sul sito di campionamento dove era stata installata una centralina…

via Internet of Things (IoT): un’esperienza partendo da zero (parte 1) — La Fucina delle Scienze

Internet of Things (IoT): un’esperienza partendo da zero (parte 2) — La Fucina delle Scienze

Dopo la prima esperienza di Iot con Raspeberry che ho presentato qui, possiamo fare un salto di qualità. Vi spiego allora come trasmettere ad un apposito canale di Thingspeak i dati acquisiti dai sensori del Sense Hat. Ma di che cosa si tratta? S ense Hat è una piccola scheda di espansione per il Raspberry…

via Internet of Things (IoT): un’esperienza partendo da zero (parte 2) — La Fucina delle Scienze

Buon Natale da la Fucina delle Scienze: costruiamo un addobbo con luci che cambiano colore — La Fucina delle Scienze

di Alfonso D’Ambrosio alfonsodambrosio@yahoo.it Buon Natale da parte mia e da tutto lo staff de la Fucina delle Scienze. In un giorno così speciale, impareremo a fare un addobbo natalizio con led multi colori. Cosa serve: led multicolori (disponibili qui https://it.aliexpress.com/item/100pcs-LED-5mm-Superbright-Transparent-Straw-Hat-RGB-Slow-Flash-Automatic-5-mm-DIP-Light-Emitting/32280451330.html) led moncolore pulsante (opzionale) pila da 3V filo di rame foglio A4 I led multicolore…

via Buon Natale da la Fucina delle Scienze: costruiamo un addobbo con luci che cambiano colore — La Fucina delle Scienze

Grazie — SusyDiario

Originally posted on Noi abbiamo bisogno di voi: Poggio alla Croce con lo sfondo del Pratomagno (clicca la foto per avere più notizie sul paese) Qualche mese fa nessuno di noi avrebbe immaginato di avere l’opportunità di ringraziare per qualcosa di concreto; tutto sembrava difficile, se non impossibile. Sembrava già un miracolo poter usufruire della…

via Grazie — SusyDiario

Usare OpenSCAD per creare modelli 3D

Buone feste di Natale

Blog di Andreas Formiconi

Questo post completa quello sulla Tartaruga nello spazio-tempo, e completa anche i materiali per i laboratori fatti il 1 dicembre per Formazione Primaria e il 13 per Educazione degli Adulti a proposito della stampa 3D. Infatti in quelle occasioni avevamo parlato dei principali modi per ottenere i modelli 3D da stampare: 1) scaricando modelli già fatti da siti social come Tingiverse o Youmagine, 2) forgiando i modelli in maniera semplice con l’interfaccia interattiva di servizi web come Tinkercad o SugarCAD, 3) oppure modellando senza limiti agendo direttamente su vertici, spigoli e facce i modelli tramite il software Blender. Avevamo menzionato di sfuggita invece il software OpenSCAD, di cui ho mostrato un’applicazione parlando della Tartaruga nello spazio-tempo. Per ovviare a questa mancanza ho fatto un video che mostra in dettaglio come ho usato OpenSCAD per remixare un progetto esistente al fine di farne una versione…

View original post 92 altre parole

UNISCI I PUNTINI

Mark Mc Candy

Questa storia nasce sulla illustrazione di Gianna Carucci.

Giornataccia anche oggi. Fa freddo. Non ho neanche i soldi per le sigarette. Dovrei comprarmi una sciarpa. Ne avevo una ma non riesco più a trovarla. Ora vado a vedere ai mercati generali se c’è bisogno di qualcuno per scaricare le casse di frutta.

“Ehi Bepi hai bisogno oggi?”

“No Cino. Io no. Chiedi al Toni che ha due persone in malattia”

“Grazie. Ci vado ora”

“Ciao Toni, posso fare la giornata? Hai bisogno?”

“Sì Cino. Ho bisogno fino a sabato. Sono quattro giorni per duecento euro, ti va bene?”

“Grazie Toni, non diventerò ricco ma accetto” ride verso Toni.

Toni conosce Cino e quello che ha passato. E’ contento di dargli qualche giornata. Quando Cino aveva un lavoro stabile aveva sempre aiutato tutti. Poi quella giornata disgraziata aveva azzerato tutto. Al suo posto non so quanti avrebbero avuto la forza di…

View original post 619 altre parole

Rohingyas : au moins 6. 700 personnes dont 730 enfants tués entre août et septembre — Aphadolie

Time : 4 mn 38 Rohingyas Au moins 6. 700 personnes dont 730 enfants tués entre août et septembre Au moins 6700 Rohingyas, dont 730 enfants de moins de cinq ans, ont été tués uniquement lors du premier mois d’une campagne militaire dans l’ouest de la Birmanie entre le 25 août et […]

via Rohingyas : au moins 6. 700 personnes dont 730 enfants tués entre août et septembre — Aphadolie

Antico inverno – Salvatore Quasimodo — Poesia in Rete

Desiderio delle tue mani chiare nella penombra della fiamma: sapevano di rovere e di rose; di morte. Antico inverno. Cercavano il miglio gli uccelli ed erano subito di neve; così le parole. Un po’ di sole, una raggera d’angelo, e poi la nebbia; e gli alberi, e noi fatti d’aria al mattino. Salvatore Quasimodo […]

via Antico inverno – Salvatore Quasimodo — Poesia in Rete

«Non ci sarà nessuno a casa» – Boris Leonidovič Pasternak — Poesia in Rete

Non ci sarà nessuno a casa, tranne il crepuscolo. Il solo giorno invernale in un trasparente spiraglio di cortine non accostate. Solo di bianchi biòccoli bagnati il rapido aleggiante balenío. Solo tetti e neve e tranne i tetti e la neve, − nessuno. E di nuovo arabeschi intesserà la brina, e di nuovo mi domineranno lo […]

via «Non ci sarà nessuno a casa» – Boris Leonidovič Pasternak — Poesia in Rete

Alcune interessanti App , per la didattica, in realtà aumentata ed in 3D (parte 4) — La Fucina delle Scienze

di Alfonso D’Ambrosio La quarta parte di App su realtà aumentata , 3D e realtà virtuale, dà spazio alle segnalazioni dei docenti. Partiamo! Prima una segnalazione di Rita Ferretti che ci suggerisce un programma per proiettare i contenuti dello smartphone e del tablet sulla LIM. Lonely Screen funziona come un ricevitore AirPlay e permette di…

via Alcune interessanti App , per la didattica, in realtà aumentata ed in 3D (parte 4) — La Fucina delle Scienze

«Si può trovare» – Giorgio Manganelli — Poesia in Rete

Si può trovare una frammentaria divinità anche in una scatola di sigarette, in un giro di danza in un denso bicchiere di malvasia; e ci si può suicidare nella gioia di vivere improvvisa d’un lunapark nei battiti dei fucilini ed in ogni gesto del corpo che muova solamente il corpo senza moto dell’anima nel […]

via «Si può trovare» – Giorgio Manganelli — Poesia in Rete

Les 11 principaux changements de style de vie pour prévenir la maladie d’Alzheimer et la démence — Aphadolie

Time : 6 mn 26 Time : 5 mn 01 Les 11 principaux changements de style de vie pour prévenir la maladie d’Alzheimer et la démence La maladie d’Alzheimer est la 5ème cause de décès en France. En réalité, elle tue plus de personnes que le cancer du sein […]

via Les 11 principaux changements de style de vie pour prévenir la maladie d’Alzheimer et la démence — Aphadolie

Il Bene è Muto: la storia di Giorgio Perlasca e Nicholas Winton — AulaBlog

“Il bene non si mostra e non si può spiegare, tanto più appare quanto più è buio. Il bene è muto!”Nicholas WintonSir Nicholas George Winton, nato Nicholas Wertheim (Londra, 19 maggio 1909 – Maidenhead, 1º luglio 2015[1]), è stato un filantropo britannico. Tra il 1938 3 il 1939 salvò, a Praga, circa 669 bambini ebrei…

via Il Bene è Muto: la storia di Giorgio Perlasca e Nicholas Winton — AulaBlog

La Tartaruga nello spazio-tempo

Blog di Andreas Formiconi

Non c’è da spaventarsi. Basta intendersi, nel modo seguente: per spazio si intende quello di un piano, quello su cui si muove la Tartaruga; il tempo è invece rappresentato dall’asse z, perpendicolare al piano. Quindi se nello spazio del foglio la Tartaruga disegna delle figure piane, in questa rappresentazione spazio-temporale la Tartaruga disegna dei percorsi in tre dimensioni.turtle_spiral_2

Prendiamo ad esempio una spirale quadrata di questo tipo, prodotta dal codice LibreLogo seguente:

La tartaruga parte dall’esterno e percorre la spirale, iniziando con un primo passo lungo 50 punti. Dopo ogni rotazione, di 88°, il passo viene ridotto di 0.5 punti. Il procedimento ricorsivo viene interrotto nel momento in cui il passo risulta inferiore a 5 punti. Giocando con i parametri in gioco – lunghezza iniziale e riduzione progressiva del passo, angolo di deviazione – si possono ottenere un’infinita varietà di forme. Se vogliamo avere una percezione del movimento della Tartaruga…

View original post 336 altre parole