Boicottate la Valle d’Aosta, troppo bella per i valdostani

Originally posted on Patuasia News:

Stefano Unterthiner (Fonte: dalla sua pagina Facebook)

Dalla sua pagina Facebook il famoso fotografo del National Geographic Stefano Unterthiner attacca molto duramente con un post la Valle d’Aosta, sua regione natale.

Amanti della natura, delle passeggiate in montagna, della fotografia naturalistica. Non venite in Valle d’Aosta. Qui vi prendono in giro. C’è un Parco Nazionale, quello del Gran Paradiso, e il bellissimo Parco Regionale del Mont-Avic, ma la regione autorizza (e finanzia) l’apertura di ben due zoo alle loro porte. Li chiamano “Parc Animalier”, perché come sapete qui c’è il bilinguismo e quando fa comodo si ricordano di usarlo: Parc Animalier è molto più “vendeur” di un semplice “zoo”; ma questi tristi recinti che imprigionano qualche animale selvatico, altro non sono che volgari zoo. In tutto il mondo i giardini zoologici vengono chiusi e boicottati (a parte pochissimi, che svolgono importanti progetti di conservazione su specie minacciate) perché considerati poco didattici. In…

View original 647 altre parole

Da testimonial a testimone

Originally posted on Patuasia News:

Ecco come risponde al Caporal Fracassa dalla sua pagina fb, il fotografo, Stefano Unterthiner.

Tante parole dette a vanvera, tante insinuazioni. Faccio un po’ di chiarezza. Innanzitutto, il mio contratto di testimonial con VIVA. Il fazioso servizio del TGR di ieri sera (26 agosto) lascia sottilmente intendere che sono ancora sotto contratto, che sono ancora il testimonial della regione: il mio contratto con VIVA è durato due anni è si è concluso a febbraio del 2014. Da valdostano, sono stato fiero di aver potuto promuovere questo progetto, perché l’obiettivo di VIVA lo considero giusto e necessario: perseguire un vero turismo eco-sostenibile, finalmente, anche in Valle d’Aosta. I soldi che ho percepito includono l’utilizzo di mie fotografie per campagne pubblicitarie nel mondo, la mia presenza a eventuali eventi promozionali, la redazione di editoriali, e appunto l’uso della mia immagine in qualità di testimonial. Come si sono affrettati a scrivere in…

View original 619 altre parole

Siamo tutti Stefano Unterthiner!

Originally posted on Patuasia News:

La Regione Valle d’Aosta, nelle parole dell’assessore Aurelio Marguerettaz, si sente offesa e risponde al noto fotografo, Stefano Unterthine, dandogli dell’ingrato. “Le sue parole sono lesivedell’immagine di una realtà che da sempre ha investito affinché la salvaguardia del proprio territorio e lo sviluppo dell’attività turistica, così come la sua antropizzazione, potessero coesistere… Parole che sono ancor più gravi perché arrivano da chi è stato incaricato dall’Amministrazione regionale come testimonial della campagna pubblicitaria del progetto VIVA – Valle d’Aosta Unica per Natura.”. Insomma chi riceve incarichi pubblici non può avere idee proprie, ma deve piegarsi a novanta. La provocazione (se Stefano non avesse usato parole pesanti chi lo avrebbe ascoltato?) non va presa  come dovrebbe e cioè come una critica che un rappresentante dei cittadini ha il dovere di ascoltare, ma come alto tradimento. E questo non è un modo di ragionare mafioso? Sì lo è!

View original 258 altre parole

Come personalizzerò la mia scatolina dei pirati? Come funziona? Dove stanno le informazioni? – #loptis

Originally posted on Laboratorio Online Permanente di Tecnologie Internet per la Scuola - #loptis:

Questo è il secondo dei tutorial che corredano le PirateBox.

  • Come mettere in funzione la PirateBox in 2 minuti – quali sono i pezzi che riceverò, cosa sono e come li dovrò mettere insieme
  • Come personalizzerò la mia PirateBox – 1: qual è la logica del funzionamento e dove dovrò mettere i miei contenuti
  • Come personalizzerò la mia PirateBox – 2: come potrò confezionare una mia semplice pagina HTML
  • Come chiedere aiuto se ne avrò bisogno – come porre utilmente le domande

Un router è un computer, un computer organizzato per assolvere a uno scopo ben preciso: instradare i pacchetti di dati da una rete ad un’altra. Internet è tutta fatta di reti separate che comunicano fra loro attraverso router – ve ne sono di tipi diversi ma la sostanza è questa.

Il router MR3020 è un router, appunto, ma una volta diventato una PirateBox non è più un router…

View original 2.199 altre parole

I musei e la mappatura delle emozioni

Originally posted on home l'adamo:

La traviata degli specchi di Josef Svoboda arricchita da elementi in realtà aumentata

di Giuliana Guazzaroni

Mentre preparavo un ultimo workshop prima della pausa estiva, ho riguardato i materiali e le esperienze alle quali ho lavorato in questi ultimi anni. Il mio approccio alla realtà aumentata e alle sue molte applicazioni si è formato in un ambiente di ricerca e sperimentazione attiva nei luoghi della cultura dell’Italia centrale.

View original 1.535 altre parole

Guest Blogger: Jennifer Bouffard

Originally posted on The Official Voki Blog:

JB2Our school district decided to use Project Based Learning (PBL) as the main delivery system for gifted education this year. The gifted teachers, along with myself, worked on writing PBL units for 3rd, 4th, and 5th grade students.  The premise of PBL is that students are engaged through a driving question; an authentic problem or question that they need to answer through in-depth inquiry. Ultimately, the students present their final products and findings to an authentic audience. This is where Voki came in to play.

I was looking for a way to engage my students, and Voki became my ultimate tool as it provided a way to improve reading/writing skills, and it provided an authentic audience. My 3rd grade students were researching endangered Ohio animals. They had to find out about the physical appearance of their animal, its habitat, its diet, how it survives…

View original 623 altre parole

From supermodel to managing editor: How Cameron Russell’s TED Talk inspired her to start a magazine

Originally posted on TED Blog:

working2

Cameron Russell and art director Hannah Assebe think over an idea for the redesign of the Interrupt magazine website. They can’t wait to show off the final product in September. Photo: Becky Chung

In the chaotic heart of downtown Brooklyn, a door greets you with an illustration of a man in a pink tutu and leopard print leggings tossing up a peace sign. Welcome to Space-Made—the art lab where Cameron Russell and her collaborators create Interrupt, a magazine that lets marginalized communities tell their own stories. It’s a concept that the supermodel felt compelled to launch after her TED Talk, “Looks aren’t everything. Believe me, I’m a model,” went viral.

At a table, near the bubblegum machine and shelves full of photography books, Russell and Interrupt’s art director, Hannah Assebe, go over the latest wireframes for their website redesign. Fresh copies of Interrupt’s fourth issue, themed “I…

View original 1.787 altre parole

Beware of bogus claims on educational products

Originally posted on Howard Gardner:

The English edition of the Korean media outlet The Hankyoreh has published an exchange between Howard Gardner and the civic group “World Without Worries About Private Education” in which Gardner cautions consumers not to trust in products that claim to incorporate his theory of Multiple Intelligences and/or develop specific intelligences in users. 

Visit The Hankyoreh to read the article in it’s entirety.

View original

How TEDx is spreading through rural Colombia—thanks largely to one organizer

Originally posted on TED Blog:

TEDxGuatavita took place in rural Colombia and TK. Photo: Courtesy of Philipe Spath

TEDxGuatavita took place in rural Colombia and focused on the “enormous hidden potential of projects germinating in the countryside.” Photo: Courtesy of Felipe Spath

If you were to map out all 10 TEDx events that Felipe Spath has organized, you’d have a constellation of waypoints zigzagging through Colombia’s countryside—passing farms, mountains, lakes, coffee fields and mines. The tireless Colombian native organized his first TEDx event in 2012 and has been going nonstop ever since, working to bring ideas from TEDx to small rural communities that, without him, may not have heard of TED.

Spath, an anthropologist, grew up in the country’s capital, Bogotá, and studied at the local university, Universidad de los Andes. After working in the restaurant business for several years, he decided to quit his job, leave the city and spend three years visiting rural areas in Asia. When he returned to Colombia, it was with a different mindset—he…

View original 828 altre parole

Divulgación de la innovación educativa: como dar visibilidad a su trabajo.

Originally posted on Innovación Educativa:

visualización ie

Estamos habituados, sobre todo el profesorado, a publicar en revistas (si son de impacto mejor). Este proceso suele llevar entre uno y dos años desde que se ha escrito lo realizado en la experiencia (hay que redactarlo de forma empírica, un plazo para la presentación, un plazo para la revisión y un plazo para la publicación). El objetivo de publicar es que la comunidad científica, en este caso el profesorado, conozca conocimiento útil para aplicarlo. En definitiva se divulga para mejorar la propia innovación educativa.

Esto es un contrasentido, ya que el impacto real de una publicación en una revista es muy limitado, debido principalmente al retraso en salir la publicación y al acceso restringido a muchas de ellas. Sin embargo, hay otras formas de divulgar su trabajo, incluso desde antes de comenzarlo. Veamos algunas formas:

La clasificación está tomada de Francisco José García Peñalvo (del grupo de investigación GRIAL).

Dónde…

View original 367 altre parole

Soixante ans

Originally posted on Hortus Closus:

Marten_van_Cleve_dÄ_(attr)_Bäuerlicher_Tanz_im_Wirtshaus

Painting by Marten Van Cleve

On n’est pas sérieux quand on a soixante ans
On vit de poésie, de mots et de rimes.
L’esprit vagabonde, ce n’est pas un crime.
On a dans le regard tout le feu du printemps,

On se sent tout jeune, on a trois fois vingt ans.
Les grandes beuveries font fuir la déprime,
Tous les problèmes avec lesquels on s’escrime.
Avec les bons copains, on a vaincu le temps.

On tricote les mots en fine dentelle
Qui parle du comptoir, mais aussi de l’autel
Dans une taverne, écoutant un concert.

Ces vers de mirliton, en ce jour de liesse,
Te paraîtront écrits à l’emporte-pièce.
Qu’importe le flacon: Joyeux anniversaire!

View original

Aspetta e spera

soudaz:

Scelta miope ed dimostrazione di incultura

Originally posted on Patuasia News:

Riesco a connettermi e do un’occhiata a cosa avviene nella mia regione. Leggo che i soliti idioti hanno deciso di dare il colpo definitivo a una manifestazione che aveva tutte le potenzialità per diventare un evento di caratura non solo locale: la Désarpa. (Ricordo ai giornalisti che le edizioni sono state sette e non quattro). Una manifestazione via via sempre più svuotata dai suoi contenuti culturali per assumere quell’unico format che i dirigenti e i politici nostrani sono in grado di gestire: la sagra paesana. Aosta, il capoluogo, viene ancora una volta penalizzata, infatti che razza di festa della mucca sarebbe senza le mucche? Queste si vedranno a Valgrisenche a Valtournenche e a Cogne. “La Desarpa è una delle manifestazioni che non possono e non devono essere abbandonate, anche in un momento di crisi“, ha detto l’assessore regionale all’agricoltura Enzo Testolin, se non l’abbandona la manda però in…

View original 119 altre parole

PirateBox – circoli hacker – stampa 3D – circoli makers -riflessioni di uno studente – #loptis

soudaz:

Mi piacciono LOFOIO e tanti altri concetti contenuti in questo articolo a più mani:

Originally posted on Laboratorio Online Permanente di Tecnologie Internet per la Scuola - #loptis:

Clicca qui per scaricare la versione in PDF


Ricevuto il primo lotto di 15 router TP-LINK TL-MR3020 da consegnare piratizzati agli arditi aspiranti sperimentatori , prima di continuare con tutto il resto, ivi compreso l’ordine di altri 15 router, mi accingo a provare l’installazione su un paio di essi – vedi mai che Murphy ci voglia mettere la coda…

Ce l’ha messa: le scatoline non si lasciano trasformare, né di diritto né di rovescio. Calma. È l’ora di rammentarsi delle raccomandazioni di un famoso hacker – ve lo farò conoscere – in merito al modo corretto di porre domande:

Prenditi tempo. Non aspettarti di risolvere un problema complicato con una ricerca di pochi secondi in Google. Leggi e cerca di capire le FAQ, siediti tranquillamente, rilassati e dedica del tempo a riflettere sul problema prima di interpellare gli esperti. Credimi, loro saranno in grado di capire dalle tue domande quanto…

View original 1.483 altre parole

Zoo mascherati

Originally posted on Patuasia News:

Riceviamo da Legambiente e volentieri pubblichiamo.

Al Parc animalier di Introd, ampliato da poco, si aggiunge ora quello di Champdepraz. Il Circolo Legambiente Valle d’Aosta da sempre è critico verso questi zoo mascherati, che nella nostra regione sorgono, oltretutto, ai confini di due Parchi veri (il Parco Nazionale del Gran Paradiso, e il Parco regionale del Mont Avic), dove gli animali possono essere osservati liberi nell’ambiente naturale, e dove il loro comportamento non è alterato dalla condizione di cattività. I fatti di attualità ci obbligano a ritornare sull’argomento: come è noto, i parchi faunistici possono godere di sovvenzioni pubbliche (ogni anno un fondo viene stanziato allo scopo, e assegnato in base ai progetti presentati). Il contributo è stato assegnato anche quest’anno, nonostante i tagli imposti dalla crisi economica. Allo stesso tempo, però, la Giunta Regionale non ha ancora stanziato le risorse minime indispensabili per garantire la sussistenza del Parco del Mont…

View original 228 altre parole

Creare eBook con Wikipedia (a scuola)

soudaz:

Molto interessante!

Originally posted on Laboratorio di Tecnologie Audiovisive:

cover

di Andrea Patassini

Probabilmente molti di voi utilizzano uno strumento come Wikipedia e conosceranno la natura e la struttura di una delle più importanti e libere enciclopedie online. Attualmente sono presenti più di un milione di voci in lingua italiana, un numero importante a rappresentare un supporto prezioso anche per le attività didattiche. Da oltre 7 anni Wikimedia organizza incontri con classi di tutte le scuole per far conoscere agli studenti Wikipedia, scoprire insieme le modalità organizzative dell’enciclopedia online, la struttura tecnologica che supporta tale servizio, le regole fondamentali di costruzione e redazione delle voci pubblicate e così via. Iniziative simili risultano utili perché consentono agli studenti di entrare nelle dinamiche di Wikipedia, di conoscere gli ingranaggi di una macchina organizzativa orientata alla produzione e condivisione di sapere dal basso, di comprendere i concetti fondamentali per la selezione, la produzione e l’organizzazione di conoscenza. Tematiche che spesso la scuola non…

View original 809 altre parole

Happy 8th anniversary, TED.com! A throwback look at the early days

Originally posted on TED Blog:

Early-launch-page

Behold, what TED.com looked like on day one.

Step with me for a minute into an internet time machine. The date: June 27, 2006. The event: the first six TED Talks being posted online.

“Today, for the first time ever, we’re thrilled to present some of the most remarkable talks from TEDs past,” reads a blog post from Chris Anderson written on that day. (The image above shows exactly what the site looked like then, and you can watch a playlist of those first six talks below.) “It’s a big moment for us: Until now, the TED experience has been limited to 1,000 people each year. But we passionately believe that these talks deserve a much wider audience.”

The idea was to post a new talk every week. By September 2006, TED Talks had been viewed over a million times. In April 2007, TED.com was relaunched around the concept of…

View original 1.361 altre parole

Happy 8th anniversary, TED.com! A throwback look at the early days

Originally posted on TED Blog:

Early-launch-page

Behold, what TED.com looked like on day one.

Step with me for a minute into an internet time machine. The date: June 27, 2006. The event: the first six TED Talks being posted online.

“Today, for the first time ever, we’re thrilled to present some of the most remarkable talks from TEDs past,” reads a blog post from Chris Anderson written on that day. (The image above shows exactly what the site looked like then, and you can watch a playlist of those first six talks below.) “It’s a big moment for us: Until now, the TED experience has been limited to 1,000 people each year. But we passionately believe that these talks deserve a much wider audience.”

The idea was to post a new talk every week. By September 2006, TED Talks had been viewed over a million times. In April 2007, TED.com was relaunched around the concept of…

View original 1.361 altre parole

Paperino nel mondo della Matemagica

Originally posted on La scuola in soffitta:

matemagica

Un breve film cartone animato alla scoperta della magia della matematica. Il protagonista è Paperino che scopre con gli spettatori le relazioni fra i numeri ch ehanno affacianto secoli di matematici, la ricerca degli schemi che parte dall’osservazione della natura e le relazioni con l’arte.
Paperino Nel Mondo Della Matemagica  è un cartone che ho scoperto qualche anno fa quando il grande era in prima. Forse è adatto dalla seconda primaria, età in cui i bambini iniziano a incuriosirsi alle relazioni tra i numeri. A dire il vero l’utilità di questo dvd sarebbe sempre valida e ancora oggi lo rivediamo con piacere: ognuno trova qualche informazione curiosa per riprendere il proprio percorso alla scoperta della matematica.

View original

Post hit! Inchiesta sulla scuola 2.0, QR Code e didattica, Un prof su YouTube

Originally posted on Laboratorio di Tecnologie Audiovisive:

schooliscool3

Un’inchiesta sulla scuola 2.0

Sul quotidiano Repubblica la scorsa settimana è stata pubblicata una lunga e articolata inchiesta sul rapporto della scuola italiana e il digitale. L’assenza di una formazione adeguata degli insegnanti alle tecnologie digitali, i forti ritardi strutturali delle scuole alla rete e, infine, difficoltà e diffidenza all’introduzione nella didattica di tali tecnologie digitali. Un quadro difficile dal quale comprendere come e dove agire evitando i soliti proclami. Leggi il post!

Codici, smartphone e didattica

Il qr code è un codice a barre capace di memorizzare informazioni che generalmente possono essere fruite tramite smartphone e tablet. Può rappresentare un valido supporto alla didattica. Ne parla Karen Mensing, docente americana, che durante uno degli eventi organizzati da TED racconta la sua esperienza a scuola con l’uso dei qr code nei progetti didattici realizzati. Leggi il post!

Un prof youtuber

Interessante e divertente progetto quello di School is COOL realizzato…

View original 41 altre parole

Cambiare l’Italia tanto per cambiare

Originally posted on Notecellulari:

No, non penso di essere la sola a chiedersi se certe decisioni e comportamenti siano accettabili ed etici solo nel caso in cui chi prende una decisione o fa qualcosa lo faccia solo per se stesso e le conseguenze ricadano solo su lui.
Ad esempio: come possono aver ragione coloro che affermano che “l’ottimo è nemico del buono” e dunque “ok, tutto si può migliorare, ma almeno noi le cose le facciamo”?
E come possono giustificarsi o chiedere d’essere approvati se e quando ciò che fanno o impongono non vada a vantaggio del bene comune o non ne tenga sufficientemente conto, ma vada verso l’affermazione del proprio potere o verso il prevalere dell’interesse di una parte o di pochi?
Fatto sta che attualmente, in Italia, girano varie iniziative politiche per “cambiare il paese”; e si proclama che nel cambiare la Costituzione, o potandola qua e là, “si fanno le cose…

View original 126 altre parole

Photo Collages from Howard Gardner’s Festschrift

Originally posted on Howard Gardner:

In September 2013, Howard Gardner’s Festschrift celebration took place in honor of his 70th birthday, an occasion that was shared with over 100 of Gardner’s colleagues, friends, and family members.

As a part of the evening’s festivities, a series of photo collages was created by Ellen Winner, which illustrates in images various periods of Gardner’s life as well as his roles as a writer, teacher, and thinker.

Click here to view the collages in their entirety!

View original

… e poi le accoppia

Originally posted on Notecellulari:

dada-umpa

Estemporanea disgustata

Madame Finocchiaro,
ma che concetto raro
hai tu della decenza
quando, senza prudenza
nè cenno di vergogna,
ti presti alla bisogna
di questi nuovi proci
che siedono feroci
banchettando impudenti
tra luccicar di denti?

Meglio sarebbe il lutto
vestire senza dubbio,
ma è l’ambizione il raro
tuo dono, oh Finocchiaro!

View original

Scatolina dei pirati: riassumiamo – #loptis

Originally posted on Laboratorio Online Permanente di Tecnologie Internet per la Scuola - #loptis:

Riassumiamo la situazione. Correggetemi se sbaglio o dimentico qualcosa. Attualmente le seguenti persone sono interessate a provare la PirateBox (il NO vuol dire che hanno già provveduto ad acquistare il router):

Marina Caprini SI
Antonella Colombo SI
Monica Ducoli SI
Marilena Fazi NO
Rosamaria Guido SI
Nadia Moretti SI
Luisella Mori SI
Martina Palazzolo NO
Maria Antonella Perrotta SI
Maria Chiara Pettenati SI
Luca Piergiovanni SI
Costantino Soudaz SI
Gerardo Totaro SI

Riassumo anche il procedimento. Io mi procuro i router e durante l’estate, tempo permettendo, li configuro. Durante questo periodo, vi contatterò via email per sapere se volete che appaia qualche particolare dicitura nella pagina di intestazione. In una chiavetta USB porrò una struttura base, che poi voi potrete adattare e arricchire successivamente secondo le vostre esigenze. Prima dell’inizio della scuola, invierò a ciascuno router e chiavetta per posta oppure, laddove sia possibile o capiti l’occasione, ci incontreremo direttamente…

View original 184 altre parole

Chi vuole provare la scatolina dei pirati (buoni) in classe? – #loptis

soudaz:

A ma piace e vorrei provare in classe il prossimo anno scolastico.
Ciao
Costantino
Ieri ho discusso la relazione per l’anno di prova; la novità, il prossimo anno sarò in una nuova scuola a Brusson e non più a Pont Saint Martin e Gressoney Saint Jean.
Per questa ragione, che era nell’aria , non ho insistito per una tua trasferta a PSMe GSJ

Originally posted on Laboratorio Online Permanente di Tecnologie Internet per la Scuola - #loptis:

Riflessioni sulla PirateBox alla luce dell’esperienza fatta nell’incontro di Paderno sull’Adda e, volendo, una proposta.
Puoi scaricare la versione in pdf


Lunedì prossimo il laboratorio itinerante andrà all’ITES di Prato: una trentina di ragazzi, età delle superiori. Occasione ottima per mettere alla prova i balocchi del laboratorio.

Pare che sia una scuola ben dotata, quindi internet ci sarà di sicuro. Ma quante volte ci doveva essere di sicuro e poi mancava il “tecnico” che sapeva la password del wireless, proprio quel giorno s’era ammalato; oppure il wireless era debole, proprio in quell’ala del casamento; oppure c’era una meravigliosa connessione via cavo, ma il cavo era corto, troppo corto per quello che tu volevi fare; oppure c’era il cavo ma l’istituto non disponeva di una configurazione predisposta per gli ospiti , allora bisognava aggeggiare con la configurazione, proprio in quell’istituto lì, l’ultimo che avresti immaginato;  oppure l’aula era davvero magnifica…

View original 1.796 altre parole

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 523 follower