Gelsomini — Cantiere poesia

attesi germogli nascosti dalle foglie ora rubano all’eterno l’invadente vestito del mattino a perdifiato s’allungano in giardino, volano riflessi opalini su capitelli assolati gesti dolci dell’odore scultore vigoroso nel risveglio delle api balsamo a pronunciare, preveggenza di terra… Aurelia Tieghi

via Gelsomini — Cantiere poesia

Pubblicato da soudaz

Mi piace fare bene ciò che faccio: tra il farlo bene e il farlo male si spende la stessa energia, per cui.... anche se l'errore mio fa parte integrante del mio apprendimento e miglioramento continuo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: