Ecco il mio libro!

Avanti c’è un post Libro di Mark Mc Candy

Mark Mc Candy

Nei prossimi giorni pubblicherò il programma delle presentazioni del libro che farò di persona (quindi ci potremo abbracciare spudoratamente) a Milano, Roma, Torino e Genova con i relativi orari e le librerie dove esaudirò il desiderio di dare un volto a tutti voi.

http://www.edizioniradicifuture.it/libri/avanti-ce-un-post/

View original post

Annunci

IL BIVIO

Il bivio di Marc Mc Candy

Mark Mc Candy

Un regno europeo qualsiasi, prima dell’anno mille e qualcosa. Nella foresta accanto al castello la futura regina, la principessa Letizia, corre inseguita dal suo amico di giochi Hans, il figlio del medico di corte nonché uomo di fiducia del Re.

Sono cresciuti insieme Hans e Letizia. Negli anni si sono conosciuti sempre meglio. Sì meglio ma non posso spiegare proprio tutto. Diciamo che Hans le rubò l’innocenza un pomeriggio di giugno tra mille papaveri rossi. Se fossero stati scoperti dalle Guardie del Re, Hans sarebbe stato decapitato in piazza il giorno dopo per oltraggio alla famiglia reale.

La decapitazione fu sfiorata diverse volte ma il loro rapporto complice arrivò al capolinea quando morì il Re.

Letizia divenne la Regina Letizia II e gli impegni di palazzo le impedirono di vedere Hans con la gioia e la spensieratezza di prima.

Solo fugaci sguardi in qualche festa e qualche biglietto tramite una…

View original post 552 altre parole

VERSO LA VETTA DEL K2

Bello

Mark Mc Candy

Domenica mattina. Ti affacci al balcone, fai un lungo respiro. Il mare è calmo.

Un pescatore è lì che tira su la sua canna per capire se qualcosa abbocca. La verità è che non ha voglia di stare a casa e preferisce stare seduto ad impreziosire il panorama del lungomare. C’è sempre bisogno di un pescatore sul lungomare.

Nuvole? mah! Cielo coperto, non sincero.. Capisci che è una giornata che va inaugurata con qualcosa di speciale. Sono giorni che hanno aperto un nuovo bar ed è ora di capire se fanno un buon caffè e soprattutto se i cornetti sono da citare su TripAdvisor.

Sono poche decine di metri dal portone di casa. Arrivi in strada e ti senti Walter Bonatti alle pendici del K2 prima dell’ascesa finale. Stringi lo smartphone facendo finta che sia la piccozza e tiri su la cinta dei pantaloni pensando sia la  fune che…

View original post 489 altre parole

IL FALCO PELLEGRINO

Il Falco Pellegrino di Marc Mc Candy

Mark Mc Candy

Mi chiamo Falco. Lo so, il nome che ho non è il massimo. I miei genitori mi hanno avuto in un periodo in cui avere un nome normale era un terno al lotto. Il fatto è che il mio cognome è Pellegrino. Ogni volta che mi presento suscito un sorriso e certe volte anche qualche battuta velata con riferimenti ai documentari di National Geographic o della famiglia Angela.

Fin qua poco male. La cosa che mi dà fastidio è che nel mio condominio abita proprio Piero Angela che vuole sempre attaccare bottone in ascensore per sapere se quando punto i roditori da lontano scendo in picchiata o a volo radente per prenderli di sorpresa. L’altro giorno ha messo il braccio in posizione parallela al pavimento sperando che mi ci poggiassi sopra con le mani per farlo sentire un antico falconiere.

Come si dice?  Nomen Omen? Ecco il mio destino è…

View original post 289 altre parole

IL DIGIUNO

Il digiuno di Mark Mc Candy

Mark Mc Candy

La cena vegetariana è una vera “esperienza”.

Un percorso di sapori e di colori. Una sequenza di piatti, preparati con cura utilizzando materie prime legate al nostro territorio e alle stagioni. Insomma una serata ricca di tradizioni ed emozioni che sarebbe stata il massimo se solo riuscissi a ricordare adesso come si chiamavano le cose che ho mangiato.

Mi chiede un amico “…ma che hai preso?

“Ma non saprei, Credo fossero polpette. Il cameriere ha detto la parola polpette ma il resto era una cosa tipo intreccio di bietole, rucola”

“Quindi polpette di cosa?

“Guarda te lo faccio sapere con precisione”

“Almeno per l’antipasto hai capito cosa hai preso?”

“Mah, credo fosse del riso con della roba colorata, porca miseria non me lo  ricordo. Il cameriere ha parlato di venere e chilometri zero ma per la fame stavo mangiando dei grissini alla curcuma e zenzero”

“Vabbè ma almeno ti ricordi…

View original post 159 altre parole

Il ricordo di Mario Lodi a cura di Aldo Pallotti per Gessetti Colorati

2 marzo 20142 marzo 2017 Carissime amiche e amici, gentilissime colleghe e colleghi, sono tre anni che Mario Lodi ci ha lasciato ed io mi permetto di rubare un po’ della vostra attenzione per ricordarlo assieme a voi. E come gli altri anni non sento il bisogno di ricordarlo come pedagogista, come scrittore, come bravo…

via Aldo Pallotti ricorda Mario Lodi — Associazione GESSETTI COLORATI