IL FARO DI ULLAPOOL

Bella lettura

Mark Mc Candy

Susan Miller è una biologa di 38 anni. Molto brava. Molto carina. Molto vegetariana. Molto fidanzata. Per lavoro è ad Inverness nella parte alta della Scozia. Uno sciopero nei trasporti le fa decidere  di prendere un’auto a noleggio per rientrare a Glasgow dove vive e lavora.

Il tempo è molto brutto. Piove e le highlands sono spettacolari e spettrali. La strada che costeggia la scogliera è esattamente quello che si chiama “orlo del precipizio”.

Manco a farlo apposta, in questo scenario dantesco, mentre alla radio va “Io mi fermo qui” dei Dik Dik, l’utilitaria della Hertz si spegne.

Susan è una tosta. Non si scompone più di tanto. Prende lo smartphone ma NO SIGNAL… sti cazzi e ora?

Buio, pioggia, strada deserta, mare in tempesta. Ci manca solo che arrivi uno con la torcia all’improvviso dalle tenebre. E infatti eccolo. Bussa al finestrino. Non si riesce a vedere il viso…

View original post 1.226 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...