Uso didattico delle tecnologie

Nell’ambito delle proprie attività formative la rete costituitasi fra gli Istituti comprensivi di Ivrea 1, Vistrorio e Strambino e l’Associazione Gessetti Colorati promuove due incontri  rivolti agli animatori digitali e a tutti gli insegnanti interessati ai temi dell’uso didattico delle…

Source : Uso didattico delle tecnologie

Annunci

Scuola regolata e modello umano

Grazie a AA, BB e Roberto per l’interessante discussione

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

di Roberto Maragliano

AA ha studiato con me e il mio gruppo, anni fa. Ora si misura, da madre di BB, con i problemi della scuola. In quanto amica di Facebook mi ha scritto una lettera alla quale ho risposto. Di comune accordo abbiamo deciso di pubblicare i due testi. Li trovate qui sotto.

<Caro Roberto,
eccomi qui a scriverti dopo diversi mesi di scuola e non so da che parte iniziare.
BB continua ad andare con gioia a scuola (cosa importantissima), adora insegnante e compagni, ama stare dentro quelle mura ma (ebbene sì, c’è un “ma” tutto genitoriale) non trova stimoli.
Qualche tempo fa mi ha chiesto perché alla materna si “lavora” più che alle elementari ed io ho capito perfettamente cosa intendeva dirmi. La sua maestra della materna era una sperimentatrice, una donna molto attenta alle peculiarità di ogni alunno e una grande stimolatrice (le domande curiose del…

View original post 1.540 altre parole

Cenni su un percorso di scoperta del computer e dei suoi codici nella scuola primaria

Merci Andreas

Blog di Andreas Formiconi

Avevo promesso a diversi amici di raccontare qualcosa sulla sperimentazione nella scuola primaria di Strada in Chianti, che ho iniziato a novembre e che volge ormai al termine. Ma devo anche ringraziare varie persone. Lo faccio subito.

In primo luogo le maestre Attilia Greppi, Laura Mariano, Manuela Bagni e Serena Taiti. Le ringrazio per avere avuto il coraggio di lanciarsi in un’avventura inedita e per essersi sobbarcate l’onere di un’organizzazione piuttosto intricata, ivi inclusi vari inevitabili imprevisti, al fine di permettere la partecipazione ai bambini di due classi IV.

La dirigente dell’Istituto Comprensivo di Greve in Chianti, Antonella Zucchelli, per avere accolto il progetto.

Le ricercatrici Laura Vanni e Romina Nesti del Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia dell’Università di Firenze, per avermi dato preziosi consigli metodologici e pratici sul campo, mettendo un po’ d’ordine nel mio caos operativo.

La laureanda in informatica Andrea Migni per avermi aiutato in…

View original post 669 altre parole

Sostieni SusyDiario

SusyDiario

Clicca qui per offrire il tuo contributo
Se pensi che SusyDiario sia un progetto valido; se vuoi aiutarmi/ci; se apprezzi l’economia della condivisione, il libero scambio di contenuti culturali, la possibilità di contribuire… Insomma: cerchiamo di finanziarci un po’ per poter migliorare molto!

SusyDiario è in internet ad accesso libero. Non costa nulla: nemmeno se lo utilizzi con la tua classe per un intero anno scolastico (o ciclo!).

Nasce e cresce grazie al lavoro volontario di alcune persone che lo usano e condividono ciò che fanno. I contenuti sono aperti e rilasciati sotto licenza Creative Commons (riutilizzabili liberamente!).

Le spese di mantenimento sono poche e ce le sobbarchiamo. Il lavoro invece è tantissimo, ma non ci pesa. Se avessimo un po’ di fondi potremmo fare molte cose: tra tutte una grafica migliore ma soprattutto il mio sogno: aggiungere la traduzione spagnola (che è la lingua più diffusa al mondo, in particolare in paesi dove c’è un gran…

View original post 67 altre parole

Cittadini da pagliaio o Melampo?

Hai ragione,

Notecellulari

Come noto si usa l’espressione cane da pagliaio per definire i rumorosi ma inoffensivi cani, piccoli o grandi, che esprimono gran chiasso e scatti in movimento, ma all’atto pratico risultano inoffensivi e inefficienti guardiani.
Un po’, un po’ molto, come i cittadini italiani che schiamazzano in rete, blaterano tra amici o addirittura si agitano al bar sport ma poi, di fronte a qualunque provvedimento (per quanto nefando e irricevibile sia) fanno spallucce e, caso mai, si organizzano per rifarsi su uno più indifeso di loro.
E questo accade a tanti livelli, sia nel posto di lavoro, sia nelle quotidiane prepotenze di vita sociale mal vissuta, sia, perfino, nel prelievo ricattatorio-affettivo delle languenti risorse di qualche anziana o anziano fiducioso (troppo).
Ma di fronte al potere zitti e mosca.
E se passa in visita il potente o potentucolo di turno allora fiori e candele, come se passasse in processione sant’Antonio, che…

View original post 71 altre parole