LABADEC

Sul mio blog Aftamundi   ho appena messo un articolo su Maria Montessori, intitolato alla suo essere stata insegnante d’eccellenza  e madre un poco sfortunata.

L’ho presa ad esempio di come bisognerebbe essere se si vuole insegnare.

Qualcuno potrebbe pensare tra sè: “Ma come, con tutti i pedagogisti contemporanei esistenti, e con tutti i meravigliosi docenti che sappiamo intraprendere  questo lavoro con grande competenza,  proprio la Montessori devi andare a prenderti? Una che è vissuta nel secolo scorso  e che tutto sommato   ha sì avuto delle intuizioni geniali, ma  neanche poi così  straordinarie…?”

Il mio amore per Maria  in verità viene dettato dal suo essere stata così eccezionalmente unica. Unica nell’essere stata la prima donna medico in Italia; unica nell’essersi fatto carico di una maternità  che l’ha trasformata in quello che poi sarebbe diventata; unica nell’avere saputo rinunciare a una carriera ormai bene avviata per rispondere ad una voce che la chiamava…

View original post 466 altre parole