Contabosco, un’applicazione per imparare la matematica

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

di Andrea Patassini

Giocare è una forma preziosissima di apprendimento e gli ambienti ludici digitali possono offrire supporto per tracciare percorsi didattici differenti da quelli solitamente adottati in ambito scolastico. Partendo dal saggio di Paul Glee dedicato al tema dei videogame e della scuola, mesi fa riflettevamo sul valore dell’esperienza attiva nel gioco digitale, della scoperta, della progettazione e del raggiungimento di un obiettivo. Un videogame offre scenari complessi non solo dal punto di vista ricreativo, ma richiede competenze specifiche che attraverso l’esperienza di gioco possono essere attivate e maturate. Competenze che, come racconta Glee, non si limitano al superamento del livello ma che possono avere una loro reale applicazione in tutte le attività di una persona, comprese quelle scolastiche. I meccanismi che innescano tutto ciò possono essere più o meno impliciti nei videogame. Nel momento in cui stiamo giocando ad un’avventura come quella della serie di Assassin’s Creed ad…

View original post 529 altre parole

Design di apprendimento per bambini in età prescolare

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

di Andrea Patassini

Lo stiamo notando da qualche tempo, quando nei confronti e dibattiti attorno i dispositivi digitali si tenta di individuare i limiti e le criticità delle modalità di fruizione e interazione di contenuti, il tanto sbandierato profumo della carta cede il posto ad altre problematiche meno nostalgiche e più attinenti alla questione. Probabilmente tutto ciò è dovuto ad una, seppur lenta, reale introduzione di tali modalità nella dieta mediatica di ciascuno di noi.

Ma se proviamo ad associare tali modalità alle fasce d’età dei più piccoli, in particolare quei bambini di età prescolare, ecco riemergere con una certa consistenza resistenze e dubbi. Intervengono in questo caso i fattori di dematerializzazione di contenuti e oggetti e l’intermediazione di un dispositivo come strumento di scoperta e di elaborazione cognitiva. Fattori per nulla banali che però non devono essere sovrastimati ma contestualizzati nella totalità delle attività svolte da un bambino. Per…

View original post 713 altre parole

Note sparse sulla PirateBox #loptis

Speculum Maius

omino che pensa con il simbolo della pirateboxE mentre Andreas sta per intervenire al Linux Day fiorentino per parlare della sperimentazione in atto, io approfitto (consapevolmente in ritardo) di dare qualche feedback in merito, al momento più organizzativo che operativo.

Caratteristiche del contesto

Quest’anno sono in una nuova scuola e insegno geografia in 4 classi di terza primaria. Entro a far lezione per 2 ore una volta a settimana in 3 classi e 2 volte (per un’ora ciascuna) nella rimanente. Le aule sono sprovviste di LIM e di altra dotazione tecnologica. Quando occorre, utilizzo il mio portatile personale con il videoproiettore della scuola. Nell’auditorium, c’è una LIM che ho provato ad utilizzare per i video però l’ambiente è troppo dispersivo e rumoroso, causa vicinanza scuola dell’infanzia. Il laboratorio ha il solito rapporto 1 PC per 2/3 alunni ma mi permetterebbe di utilizzare solo i PC.

Prospettive di utilizzo

Dato il tempo limitato a mia disposizione (in cui…

View original post 136 altre parole

Realtà aumentata e glocalismo: Parigi, l’arte e la buona cucina

Emotional Mapping of Museum Augmented Places

Vernissage

Per una qualche imperscrutabile ragione, mi sono trovata a ottobre a costruire due esperienze d’interazione con la realtà aumentata* apparentemente distanti tra loro. Ma, invece, intrinsecamente legate e connesse all’attenzione sempre più scrupolosa che si dedica oggi all’alimentazione.

View original post 1.307 altre parole

Experiential Learning: Is there really a question about this?

User Generated Education

The things we have to learn before we do them, we learn by doing them. Aristotle

Give the pupils something to do, not something to learn; and the doing is of such a nature as to demand thinking; learning naturally results. John Dewey

My training as an educator occurred through experiential education rather than the traditional route.  Experiential Education is based on the following principles as articulated by the Association for Experiential Education:

  • Experiential learning occurs when carefully chosen experiences are supported by reflection, critical analysis and synthesis.
  • Experiences are structured to require the learner to take initiative, make decisions and be accountable for results.
  • Throughout the experiential learning process, the learner2 is actively engaged in posing questions, investigating, experimenting, being curious, solving problems, assuming responsibility, being creative, and constructing meaning.
  • Learners are engaged intellectually, emotionally, socially, soulfully and/or physically. This involvement produces a perception that the learning…

View original post 229 altre parole

il giovane giacomo

"ladivinafamiglia"

Ho visto il film, e dietro di me nella sala c’era un folto gruppo di giovanissimi, con la loro prof avvicinatasi per un attimo, che li complimentava per essere andati così numerosi alla visione del giovane Leopardi.
Davanti a me c’era una collaudata preside di liceo, da un anno andata in pensione, devo dire ringiovanita nell’aspetto e nel modo di fare, forse perchè osservata in un contesto extrascolastico ed informale, e mentre che lei non sapeva d’essere osservata…
Al mio fianco altri giovani, e sotto in basso alla platea, altri giovani.
Sì, i giovani sono venuti a vederlo perchè sospinti dai loro insegnanti, perchè interessati a catturare idee per un possibile componimento di tesi finale, per una possibile interrogazione con cui fare bella figura davanti agli altri…
Tutte ottime ragioni, se vogliamo ben sottolineare, che fanno di necessità virtù, ma quanti di loro sarebbero venuti o andranno a vederlo, per…

View original post 1.022 altre parole

A scuola di OpenCoesione, non solo #coding

Insegnanti 2.0

Uno dei termini di moda che noi insegnanti ormai sentiamo ripetere come un mantra è *coding*, ovvero sviluppare, programmare, scrivere codice.

Lo stesso MIUR sta spingendo in questa direzione, facendo convergere l’Agenda Digitale Italiana -una serie di iniziative promosse dal Governo volte a sfruttare le tecnologie per migliorare la vita degli italiani- con l’istruzione. Ma molti di noi non sanno nemmeno da dove cominciare! Come facciamo a insegnare a programmare nel caso noi stessi sappiamo a stento usare la posta elettronica?

Come i nostri stessi ragazzi ci dimostrano ogni giorno in classe, solo dando un senso a ciò che si studia la noia, il senso di inutilità e la stanchezza lasceranno il passo a entusiasmo, concretezza e un obiettivo da raggiungere.

Ed è proprio a questo che il progetto “A scuola di OpenCoesione” ambisce: far diventare i nostri ragazzi cittadini più consapevoli, più attenti a ciò…

View original post 740 altre parole

How to run a brainstorm for introverts (and extroverts too)

TED Blog

How-to-brainstormCocktail party trivia: Brainstorming was invented in the 1930s as a practical idea-generation technique for regular use by “creatives” within the ad agency BBDO. That all changed in 1942, when Alex Osborn — the “O” in BBDO — released a book called How to Think Up and excited the imaginations of his fellow Mad Men.

Since 1942, the idea-generation technique that began life in a New York creative firm has grown into the happy kudzu of Silicon Valley startups. Somewhere near Stanford, an introvert cringes every time the idea comes up of sitting in a roomful of colleagues, drawing half-baked ideas on Post-it notes, and then pasting them to the wall for all to see. (If this is you, watch David Kelley’s TED Talk on creative confidence, followed by Susan Cain’s on the power of introverts.)

I’ve run a lot of brainstorms over the years: with designers at…

View original post 834 altre parole

Un futuro interattivo tutto da pensare

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

di Roberto Maragliano

Di tecnologia indossabile, e in particolare degli occhiali di/con realtà aumentata recentemente messi in commercio da Google negli USA, s’è parlato e si continua a parlare anche da noi ma, va riconosciuto, con un’attenzione prevalente per le componenti spettacolari del fenomeno e meno propensione ad affrontare le questioni di fondo che un’eventuale diffusione massiccia di simili dispositivi inevitabilmente porrebbe; questioni che, invece, sarebbe opportuno anticipare, se non altro per attrezzarsi psicologicamente ma anche concettualmente a questo significativo cambio di prospettiva.

google_glass_infographicC’è da rilevare, a questo proposito, che una parte significativa delle attrezzature digitali che tuttora usiamo sono di tipo stanziale, ma che sta progressivamente aumentando l’incidenza materiale, e non solo, delle tecnologie mobili. Le une e le altre richiedono comunque un impiego delle mani: soprattutto le prime, meno le seconde, per le quali iniziano ad entrare in uso le tecniche e le pratiche dei comandi vocali.

Con gli occhiali, o altri dispositivi indossabili, l’utente conquista comunque la libertà d’uso…

View original post 512 altre parole

Pinocchio, Scratch e nuovi percorsi didattici

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

pinocchio_blog

di Andrea Patassini

Su questo blog di Scratch ne abbiamo parlato diverse volte, è un software didattico dedicato all’insegnamento delle logiche del coding. L’interfaccia semplice e intuitiva e la logica di costruzione del codice attraverso i blocchi, consente di poter realizzare fin da subito progetti divertenti e interessanti. Sempre da queste parti abbiamo più volte segnalato le iniziative promosse dai Coderdojo che, sempre più, trovano partecipazione e interesse in Italia. Se non hai idea di cosa sia un Coderdojo, dai un’occhiata ad un paio di post pubblicati su questo blog recentemente (qui e qui). L’estensione a macchia d’olio su tutto il territorio di nuovi Coderdojo consente di poter intercettare nuove competenze e creatività nell’uso di Scratch.

Se hai sotto il naso un secchio pieno zeppo di mattoncini Lego quante cose potresti costruire? Un’infinità di soluzioni, basta metterci un pizzico di ingegno e creatività. Così vale anche con Scratch…

View original post 466 altre parole

IIIA: Cittadinanza: dalla Dichiarazione dei diritti dell’Uomo del 1789, a Olympe de Gouges, a Malala

Arringo

La storia di Malala, premio Nobel per la Pace da qualche giorno, si è intrecciata in IIIA con le lezioni di Educazione alla Cittadinanza che stiamo conducendo parallelamente allo studio della storia.

Accanto allo studio della rivoluzione francese, abbiamo letto la Dichiarazione dei diritti dell’Uomo e del Cittadino, che l’Assemblea Costituente francese scrisse nel 1789.

Abbiamo letto e commentato ogni singolo articolo, alla luce degli ideali dell’Illuminismo e dell’attualità e abbiamo riflettuto sul fatto che la vera rivoluzione fu la diffusione delle idee di giustizia e uguaglianza tra gli uomini. Infine, i ragazzi hanno adottato i singoli articoli e li hanno reintrerpretati a modo proprio:

Accanto alla rivoluzionaria Dichiarazione dell’Uomo e del Cittadino, abbiamo letto anche la provocatoria versione femminile, scritta da Olympe de Gouges: ella scrisse la Dichiarazione dei diritte delle Donne e delle Cittadine, sottolineando quanto le idee di Liberté, E’galité e Fraternité sarebbero…

View original post 193 altre parole

Dedicato a “Vedere oltre”

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

di Ornella Martini

copertina bestiario la copertina dell’albo disegnato da Guido Scarabattolo per Vanvere Editore

Dove si parla di un libraio insostituibile, di un libro tanto piccolo quanto profondo, di un Festival di libri ad arte per ragazzi e del bisogno di una nuova resistenza

“Tieni, leggilo. È un libro per te. Sono sicuro che ti piacerà”, aveva detto Andrea, una figura di libraio così preziosa che pensi che se tutti i librai fossero così le piccole librerie non chiuderebbero mai, anzi riuscirebbero a resistere all’avanzata dei panzer digitali che ingoiano tutto, libri e mutande senza distinzione (so di scrivere cose rischiose di fraintendimenti, ma siccome su Amazon compro oggetti anch’io, mutande no ma libri sì, so di cosa parlo e non mi schiero dalla parte dei passatisti per forza; so anche che, ogni volta, entrare nella mia libreria preferita, che per necessità si è fatto anche caffè, è un piacere speciale…

View original post 547 altre parole

Introducing Your New Design Elements – Part 6

Glogster Blog

anatomy_biologyThis is the very last post in our Design Elements series, introducing Glogster’s 10,000 new graphics. Over the last 6 weeks, we have been examining stand-alone graphics, text boxes, media players and more, all custom-designed and copyright free. Our users certainly seem to be enjoying the new elements – we’ve seen some fantastic glogs across already using these images to great effect.

One of our users commented saying, “This is an improvement that has been long in the waiting. The educational graphic library is going to be very helpful for classroom teachers and students. To have these readily available will streamline creation, even though we still have the ability to upload our own. The best of both worlds!” We couldn’t have put it better ourselves!

View original post 303 altre parole

Prezi per la didattica, intervista a Anna Rita Vizzari

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

di Andrea Patassini

Qualche giorno fa scrutando tra i tweet scopro quello di Anna Rita Vizzari (@latiranna), insegnante di Lettere nella scuola secondaria di primo grado a Sestu (Cagliari) e formatrice dei docenti in corsi di aggiornamento sulla didattica con le tecnologie, qui il suo blog.

vizzari_2Mi incuriosisco e decido di dare un’occhiata. Così eccomi su Prezi a interagire con un interessante contenuto didattico dedicato allo studio delle coordinate geografiche.

Un momento. Ti stai domandando cos’è Prezi? Prezi è un ottimo web tool per creare slide dinamiche grazie alle sue caratteristiche che consentono zoom tra i contenuti e costruzione delle presentazioni tramite veri e propri storyboard. La logica di sviluppo di contenuti da presentare è decisamente diversa da quella comunemente conosciuta. Con Prezi aumenta la possibilità di dare sfogo alla…

View original post 737 altre parole

IIA-IIIA: Malala, premio Nobel per la pace 2014: ISTRUIRE vuol dire PACE

Arringo

[post veloce, da aggiornare in seguito]

Prendiamo in mano i nostri libri e le nostre penne. […] Sono le nostre armi più potenti. Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. (da Io sono Malala)

Materiali per le ricerche:

Chi è Malala (Wikipedia)

Malala, raccontata attraverso brevi estratti del libro “Io sono Malala”

Alcuni estratti del blog di Malala (quelli letti insieme a scuola)

Altri estratti del blog di Malala

Intervista a Viviana Mazza, autrice della biografia “Storia di Malala” (edito da Mondadori)

Il discorso, tenuto nel Luglio 2013, all’ONU (notate lo scialle, appartenuto a Benazir Bhutto)

QUI il testo integrale del discorso

Cara Malala: un talebano scrive a Malala (dopo l’attentato).

————–

Per chi vuole approfondire il personaggio di Benazir Bhutto

Chi era Benazir Bhutto (Wikipedia)

L’assassinio 

Breve estratto di un notiziario sull’attentato

[da integrare ulteriormente]

La prof

View original post

Scrittura volatile

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

di Roberto Maragliano

“Sono qui al computer che scrivo il testo che leggerete. Man mano che procedo con la stesura il documento si memorizza e va a depositarsi automaticamente in rete, sulla ‘nuvola’, nel caso su Google Drive. Questo significa che se cambio postazione e macchina, posso riprendere il lavoro là dove l’ho lasciato, dentro lo spazio di rete, senza che mi sia preoccupato, prima, di memorizzare il file e scaricarlo su un supporto esterno da portarmi dietro per usi successivi, sempre che me ne ricordi o non lo perda”.

Quaderni di didattica 18Così inizia l’articolo che il collega e amico Mino Laneve mi ha chiesto per il decennale della sua rivista Quaderni di didattica della scrittura. Il tema prescelto per la celebrazione (n. 21-22/2014) è la scrittura digitale, che io ho pensato di trattare mettendo a raffronto due ecosistemi, quello fisico della stampa e quello liquido o volatile del digitale. Nel ringraziare Mino per l’autorizzazione a…

View original post 10 altre parole

Top tips every EFL student should know when using an English learner’s dictionary

Oxford University Press

Close-up of Dicionary entry in dictionaryStacey Hughes, former teacher and current teacher trainer in the Professional Development team at Oxford University Press, shares some ideas to help students get more out of using a dictionary in the classroom.

Has every pair got a copy of the dictionary? OK. Here’s a list of words for you to look up. This is a race. The first pair to find a definition for all the words is the winner.

Sound familiar?

We’ve probably all done dictionary races.  They can be a motivating way to get students to use a dictionary and can help students become faster at looking up words. However, for my class of pre-sessional university students, I needed them to delve deeper into what the dictionary has to offer. So, instead I organised a slow-down race. In this race, the students needed to spend more time on an entry in order to find out common collocations, different…

View original post 625 altre parole

Cubetto, un robot in legno per imparare la programmazione

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

cubetto_1

di Andrea Patassini

Nel vortice della Maker Faire ho avuto occasione di conoscere da vicino il progetto Cubetto sostenuto dalla start up Primo, società con creatività tutta italiana e base a Londra, composta da Filippo Yacob, Matteo Loglio e Valeria Leonardi. Cubetto si inserisce perfettamente nel settore edtech che mostra una forte vitalità negli Stati Uniti e Europa e che inizia a far emergere idee interessanti anche nel nostro paese.

Ma di cosa si tratta? Cubetto è un robot dedicato ai più piccoli che deve essere istruito nel percorrere uno specifico tragitto. Per inviare i comandi a Cubetto basta comporre le istruzioni su di un’apposita tavoletta in legno. Le istruzioni infatti possono essere realizzate attraverso dei semplici moduli che inseriti nella tavoletta, attraverso una qualsiasi composizione, determinano il percorso che effettuerà il robot. Il gioco consente di poter apprendere in modo divertente le logiche e il linguaggio di una macchina…

View original post 408 altre parole

Video on Positive Psychology Features Good Work

Howard Gardner

A YouTube video covering the meaning of positive psychology mentions Project Zero‘s Good Work Project and Howard Gardner!

In addition to touching upon other concepts like flow and mindfulness, the video describes the facets of Good Work and how and why the project can help individuals find fulfillment. Watch the video below, and look out at the 3:28 mark to see the Good Work project explained along with creative illustrations.

View original post