Chi vuole provare la scatolina dei pirati (buoni) in classe? – #loptis

A ma piace e vorrei provare in classe il prossimo anno scolastico.
Ciao
Costantino
Ieri ho discusso la relazione per l’anno di prova; la novità, il prossimo anno sarò in una nuova scuola a Brusson e non più a Pont Saint Martin e Gressoney Saint Jean.
Per questa ragione, che era nell’aria , non ho insistito per una tua trasferta a PSMe GSJ

Blog di Andreas Formiconi

Riflessioni sulla PirateBox alla luce dell’esperienza fatta nell’incontro di Paderno sull’Adda e, volendo, una proposta.
Puoi scaricare la versione in pdf


Lunedì prossimo il laboratorio itinerante andrà all’ITES di Prato: una trentina di ragazzi, età delle superiori. Occasione ottima per mettere alla prova i balocchi del laboratorio.

Pare che sia una scuola ben dotata, quindi internet ci sarà di sicuro. Ma quante volte ci doveva essere di sicuro e poi mancava il “tecnico” che sapeva la password del wireless, proprio quel giorno s’era ammalato; oppure il wireless era debole, proprio in quell’ala del casamento; oppure c’era una meravigliosa connessione via cavo, ma il cavo era corto, troppo corto per quello che tu volevi fare; oppure c’era il cavo ma l’istituto non disponeva di una configurazione predisposta per gli ospiti , allora bisognava aggeggiare con la configurazione, proprio in quell’istituto lì, l’ultimo che avresti immaginato;  oppure l’aula era davvero magnifica…

View original post 1.796 altre parole

Una secrezione di ottimismo

MI piaccciono questi incontri tra persone conosciute virtualmente e realmente

Appunti

Speranza, ottimismo, soddisfazione, giovani attivi, voglia di imparare.

Sono queste le parole che mi sono rimaste in mente dopo l’incontro di martedì scorso con Andreas a Paderno d’Adda. Il Loptis si sposta e viene a trovarci, con tutto il suo ambaradan di tecnologia liberante.

Sono tante le cose che abbiamo visto, tanti gli spunti di riflessione e le “punture” verso un modo di introdurre le tecnologie a scuola a volte troppo legato alle mode del momento e senza un progetto a lungo termine. Ma, al di là di tutti i trucchetti (dalla Pirate box alla stampante 3D passando per la lavagna con lo wiimote, il software libero e arduino) conosciuti o meno dai partecipanti, la cosa che mi è rimasta più in mente è l’idea di ottimismo di fondo che permea tutto l’incontro.

Ottimismo nelle possibilità che hanno i giovani in Italia, nonostante tutto quello che sentiamo intorno…

View original post 135 altre parole

A Hans Rosling quiz, a newly-discovered “Godzilla of Earths,” a new doc from Sebastian Junger, and why octopus arms don’t tangle

TED Blog

Hans Rosling has given nine TED Talks over the years. A website celebrates the anniversary of his first with a surprisingly hard quiz. Photo: Asa Mathat Hans Rosling has given nine TED Talks over the years. A website celebrates the anniversary of his first with a surprisingly hard quiz. Photo: Asa Mathat

Members of the TED community saturated the news in the past two weeks. Below, just a few of these headline-makers:

Eight years ago, Hans Rosling shared “The best stats you’ve ever seen” at TED2006, flipping our thinking on global health. BigThink.com is marking the anniversary of that talk. Take their very fun quiz that tests your understanding of population statistics, and then watch an hour-long talk from Rosling—given in May at the Nordic Media Festival—to check your answers. (And while you’re at it, watch all nine of Hans’ TED Talks. They are all fantastic.)

Dimitar Sasselov is the head of a Harvard team that has found a very surprising Earth-like planet—17 times the weight of Earth. Previously, it was assumed…

View original post 550 altre parole

Maricopa OER Practitioners: Sian Proctor

As part of my fellowship for the OER Research Hub at the Open University I am sharing these excerpts from conversations about OER use/creation recorded in April 2014 with faculty at the Maricopa Community Colleges.


creative commons licensed ( BY-SA )flickr photo shared by cogdogblog

Sian Proctor teaches Geology at South Mountain Community College, one of the ten the Maricopa Community Colleges. As a disclaimer, as also someone who studied Geology at Arizona State University, I have known her for a while. She has an adventurous spirit, including experiences as a 2009 NASA Astronaut Candidate, a participant in a reality show, participated in a NASA Mars Simulation experiement… just to name a few.

Meet Sian:

See more about the Geology program at South Mountain Community College.

In explaining OERs to students and others, she draws the parallels with textbooks “the things that you need…

View original post 607 altre parole

Quedada con Participantes en el MOOC de Innovación Educativa Aplicada

Innovación Educativa

quedada mooc 1

El pasado 29 de Mayo realizamos una “quedada” con participantes del MOOC “Innovación Educativa Aplicada”. Participamos 15 personas y el objetivo era poder intercambiar ideas (y sobre todo escuchar) a personas que se habían implicado en el curso.

Comenzamos exponiendo algunas estadísticas de participación del MOOC: tasas de finalización, seguimiento y datos estadísticos sobre participantes. Algunos de esos datos:

  • Participación por países: España 55%, México 10%, Colombia 8%, Brasil 3% (es el país con idioma distinto al español que más participantes ha tenido).
  • Por tipo de profesión: Docentes 51%, Estudiantes 21% y no docentes 28%.
  • El número total de inscritos fue de 6149 personas.

Tras una breve presentación de los asistentes y comentarios sobre los datos, pasamos a reflexionar sobre aspectos de mejora. Salieron bastantes ideas, algunas de las cuales son de aplicación inmediata como hacer un pdf con todo el material y organizar los videos del curso…

View original post 252 altre parole

Abecedario vintage

La scuola in soffitta

abecedario_vintageIl nostro homeschooling inizia a comprendere le attività per prepararsi alla scuola primaria del piccolo. In realtà sto solo facendo da paletto di sostegno di questa piantina che cresce da sola: lui curiosa, esplora, ipotizza e io controllo soltanto che non prenda per vere nozioni che non lo sono o che impari abitudini sbagliate come impugnare male la matita e piccole cose di questo genere. Inizia a voler leggere da solo, come molti bambini della sua età. Mi chiede le lettere, alcune le ricorda altre le confonde. Nella mia ricerca di materiali belli da presentare ai bambini ho trovato in rete questo abecedario vintage che mi piace molto.

View original post 55 altre parole

Teacher Dojo: un’occasione per tutti gli insegnanti

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

tool_post

Le tecnologie digitali rappresentano un’opportunità importante per la didattica nelle scuole, comportano dei cambiamenti nell’approccio allo studio ma anche nelle strategie adottate nell’insegnamento. Gli strumenti digitali inoltre permettono una migliore collaborazione tra insegnanti grazie alla facilità di scambio di idee e progetti. Conoscerle e saperle utilizzare nei diversi contesti nei quali si opera è un vantaggio notevole. Per questo abbiamo pensato a Teacher Dojo. Vi chiederete… cos’è un dojo? Nella cultura giapponese i dojo sono delle palestre dove potersi allenare. Attraverso l’allenamento e il ruolo attivo si acquisicono competenze.

Così pensiamo la nostra iniziativa: un ambiente informale dedicato agli insegnanti che partecipano sporcandosi le mani con le tecnologie digitali. Darsi da fare fin dal primo momento è una prerogativa importante per i Teacher Dojo, si conoscono le tecnologie mettendoci le mani sopra, provando a realizzare contenuti e attività specifiche, e analizzandone impatto e efficacia.

Qualsiasi insegnante può partecipare:

View original post 123 altre parole

La Hipótesis de la Reina Roja

Innovación Educativa

unesco1

Hoy ha tenido lugar el seminario “Las nuevas formas de enseñanza en la universidad digital”. En la primera conferencia, titulada “Aprendizaje, TIC y Enseñanza ¿convergen las aproximaciones sucesivas”, Carlos Conde (Rector de la Universidad Politécnica de Madrid) se refirió a la conocida como “Hipótesis de la Reina Roja”, basada en la novela de Lewis Carrol “Alicia a través del Espejo”.

Alicia, a pesar de correr todo lo rápido que puede, no es capaz de moverse del sitio. Extrañada le dice a la Reina Roja que en su país, cuando se corre rápido y durante un tiempo, se suele llegar a alguna parte. La Reina replica a Alicia diciéndole que su país es un poco lento, ya que aquí (en el país de la Reina) para llegar a otra parte hay que correr al menos dos veces más rápido.

Carlos utilizó esta metáfora para hacer referencia a la velocidad de…

View original post 375 altre parole

Chi controlla i controllori? L’Europa, Google e il “diritto all’oblio”

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

di Mario Pireddu

Le conseguenze della recente decisione della Corte di Giustizia europea sul tema del cosiddetto diritto all’oblio (o digital forgetting) stanno facendo discutere giuristi, filosofi, studiosi e politici di tutto il mondo. Riassunto rapido: in seguito alle richieste dello spagnolo Mario Costeja Gonzalez, da qualche settimana i cittadini europei possono richiedere ai motori di ricerca online di eliminare dai risultati delle ricerche i link che li riguardano e che rimandano verso “contenuti non più rilevanti” o “inadeguati”. Costeja Gonzales si è battuto per ottenere la rimozione di alcuni link che comparivano nella pagina dei risultati di Google dopo aver cercato il suo nome: i link in questione conducevano a pagine di quotidiani che riportano la notizia – vecchia di circa sedici anni – della messa all’asta della sua casa per motivi economici. Dato che nel tempo i suoi problemi economici sono scomparsi, per Costeja Gonzalez le informazioni alle quali rimandava Google oggi non sono più rilevanti (e sarebbero persino una…

View original post 875 altre parole

Gli anni di piombo e la strategia della tensione_IIIA

Arringo

Termina con una lezione sugli anni di piombo il percorso di storia in IIIA, sebbene l’approfondimento del periodo contemporaneo sia andato oltre, con frequenti riferimenti alla situazione sociopolitica dell’Italia di oggi.

La lezione è stata tenuta dal Prof. Emiliano Battaino che ringrazio vivamente per il costante supporto dato alla classe e la sua grande disponibilità e sensibilità. Il prof ha illustrato dapprima il periodo storico di iferimento, concentrandosi poi sulla strategia della tensione, Piazza Fontana e l’omicidio Moro.

A voi, ragazzi e Arringolettori, le slide della lezione:

Gli anni di piombo

Buono studio, ragazzi.

La prof

View original post

Chiusura Biblioteca di Classe_IIA

Arringo

Oggi si è chiusa la biblioteca di classe in IIA. Fin dallo scorso anno, la classe si è subito contraddistinta per l’amore per la lettura: dal genere fantasy, al romanzo impegnato, dal fumetto alle saghe medievali, da testi per ragazzi ai grandi classici, i ragazzi hanno letto di tutto. Ecco i nostri “termometri di lettura”, che ci servono a capire…chi ha più “febbre per la lettura”!

biblioteca

Anche se qualche alunno doveva finire di aggiornare il suo profilo, indicando, accanto ai titoli, anche i numeri di pagine, il nostro Polso della Lettura appare molto buono: si classificano al I°, II°, III° posto alunne che hanno letto quest’anno più di 2000 pagine ciascuna! (gaudium magnum!):

20140605_14030120140605_14030620140605_14031220140605_140422

Complimenti a Mara, Claudia (che non ama farsi le fotografie ;P) e Erica, ma anche a tutta la classe che si è impegnata…a farsi venire la febbre! 😉

La prof

View original post

Ciao, IIIA!

Arringo

Oggi non finisce un anno: finisce un triennio. Trascorso insieme, tra studio e divertimento, tra soddisfazioni e delusioni, tra impegno e risate. Non voglio spendere (almeno oggi) tante parole…Il cammino fatto insieme lo conoscete…

Ecco quindi, anche sul vostro blog, il mio saluto. Possiate incarnarlo a pieno.

Buona vita, ragazzi! Vi voglio bene!

20140605_234755[1]

20140605_23471620140605_234612

20140606_121203

CIAO!

La prof

View original post