Leggere insieme, un bellissimo progetto per giovani

Federico Batini

logo_laav  WE WANT YOU – FROM AREZZO WITH LAAV 

(partecipazione gratuita!)

Creiamo insieme anche ad Arezzo un circolo giovanile di letture ad alta voce!

 Il progetto si svolge ad Arezzo, ma possono iscriversi giovani da tutta Italia.

Il progetto We Want You – From Arezzo With LaAV (reso possibile grazie al Bando Giovani Protagonisti, del Comune di Arezzo) ha come obiettivo la creazione di un circolo LaAV giovanile ad Arezzo (dove si trova la sede nazionale) che, data la posizione strategica sia a livello logistico che geografico, svolga funzioni di coordinamento dell’Associazione a livello nazionale, in particolare per quanto concerne la promozione e lo sviluppo di attività che vedano i giovani protagonisti attivi del progetto, con particolare riferimento all’utilizzo di strumenti culturali innovativi (social networking, video documentazione sociale, web editing, crowdfunding, incursioni letterarie, organizzazione eventi legati alla lettura in commistione con altre forme d’arte preminentemente giovanili: scrittura creativa…

View original post 340 altre parole

Annunci

Why Games Will Be More Successful in Education than Radio, TV, or MOOCs (#GBL)

Classroom Aid

by Justin Marquis Ph.D., OnlineUniversities.com

Radio, TV, computers, video games, the Internet, and MOOCs. As major technological innovations have occurred throughout our history they have been regularly touted as the next great thing in education. Few of them ever actually live up to the hype though, and eventually fade out of education even as their prominence in society as a whole rises. Starting in the 1920s radio was used as an educational tool (Interactive Radio Instruction) to supplement poorly trained educators in rural areas. In the 1960s aircraft broadcast educational television programs over the American Midwest for much the same reasons. In the 1980′s computers invaded education and ushered in the prospect of game-based learning with mixed results. In the1990s online education gained a foothold in higher education and, since 2010, MOOCs have arisen largely for the same reasons as earlier attempts to incorporate new technology…

View original post 1.576 altre parole

Why Games Will Be More Successful in Education than Radio, TV, or MOOCs (#GBL)

Classroom Aid

by Justin Marquis Ph.D., OnlineUniversities.com

Radio, TV, computers, video games, the Internet, and MOOCs. As major technological innovations have occurred throughout our history they have been regularly touted as the next great thing in education. Few of them ever actually live up to the hype though, and eventually fade out of education even as their prominence in society as a whole rises. Starting in the 1920s radio was used as an educational tool (Interactive Radio Instruction) to supplement poorly trained educators in rural areas. In the 1960s aircraft broadcast educational television programs over the American Midwest for much the same reasons. In the 1980′s computers invaded education and ushered in the prospect of game-based learning with mixed results. In the1990s online education gained a foothold in higher education and, since 2010, MOOCs have arisen largely for the same reasons as earlier attempts to incorporate new technology…

View original post 1.576 altre parole

45 Design Thinking Resources for Educators

Classroom Aid

by Saga Briggs, re-published with the permission of OpenColleges.edu.au

Imagine a world where digital learning platforms help adult learners succeed through college completion; where a network of schools offers international-quality education, affordable tuition, and serves hundreds of thousands of children in economically disadvantaged countries; where we engage parents in understanding national trends and topics in education; where a comprehensive learning environment seamlessly connects the classroom with the opportunities of the digital world for young students; and where system-level solutions help more students gain access to college.

Educators across the world have been using design thinking to create such a world.

45 design thinking resources

Design thinking consists of four key elements: Defining the Problem, Creating and Considering Multiple Options, Refining Selected Directions, and Executing the Best Plan of Action.

An early example of design thinking would have been Edison’s invention of the light bulb. This invention carried with it a “human-centered design ethos,” meaning Edison was able…

View original post 1.440 altre parole

Learning2gether with the MoodleMoot Virtual Conference 2013 (MMVC13)

Learning2gether

Learning2gether Episode 172

August 23-25, 2013 – Moodlemoot Virtual Conference 2013 (MMVC13)

The MoodleMoot Conference is an annual event that takes place every August online via the WizIQ Virtual Classroom.

The conference has also been made into a course to help participants receive the ongoing updates on the conference. The course will remain active after the conclusion of the conference to enable participants to exchange views. Enroll into the course right away to get updates and join the discussions with other participants of MMVC13.

2013-08-28_0811colussa25aug

On Sunday Aug 25 Vance Stevens presented “Learning2gether about Everything”

Learning2gether was following other presentations at this online conference, which took place Aug 23-25.

Recording

Learning2gether about Everything

We are in a paradigm shift where ongoing…

View original post 316 altre parole

Is the pedagogy of MOOCs flawed?

E-Learning Provocateur

This is a question that I tackle in my Udemy course The Wide World of MOOCs.

Almost immediately after I uploaded this preview to YouTube, someone on Twitter politely challenged me.

She took umbrage to my assertion that MOOCs are pedagogically richer than “regular” online courses.

Her counter argument was that the pedagogical devices that I cited – readings, online discussion forums, social media groups and local meetups – are the same learning and teaching functionalities available in any LMS.

While this claim is partly true, I wish to share with you my [elaborated] defence of my initial assertion. Why? Because I think it’s important to hear all POVs, and I’d like to know whether you agree…

Hand on keyboard

Right off the bat, I don’t believe that all the pedagogical devices that I cited are available in any LMS. They may be available in many LMSs, but certainly not all of…

View original post 277 altre parole

Un bell’intervento sulle tecnologie di Rodolfo Marchisio

D’accordo

amentia verna

Ho ricevuto segnalazione di questo bell’intervento, che volentieri mostro alla comunità perché mi sembra fondato su di una grande ragionevolezza.

Da decenni organizzo iniziative di formazione sull’uso delle Tic nella didattica e nella ricerca: oggi nel campo della storia e nei progetti relativi a CC. Seguendo a distanza ed in presenza per Istoreto e USR Piemonte un gruppo di 200 docenti sparsi per il Piemonte, referenti di progetti, è il momento di organizzare una attività di formazione. Mi sembra che le idee siano piuttosto confuse e provo a riassumere alcuni dati per tutti…

Per leggere il seguito andate qui:  http://www.pavonerisorse.it/democrazia/tecnologie_e_formazione.htm

View original post

Bocciatura sì, bocciatura no. E di altre tristi cose.

Bellissima discussione. Ritorneremo sicuramente sull’argomento dopo le giornate di vacanza con mia nipotina Sofia

amentia verna

Scrive Luisella nel corposo thread a commento di questo post di Federica (Sargolini):

I miei dubbi relativamente alla valutazione (e alle bocciature) sono dovute al fatto che ho notato nel corso degli anni che le bocciature, la maggior parte delle volte, non servono proprio a niente. Sono rari i casi in cui gli studenti bocciati tornano a scuola motivati a fare di meglio, il più delle volte tornano, ma con ancora meno voglia di fare. E allora, a chi/che cosa serve la bocciatura? Forse serve più agli altri, alla fin fine, a quelli che hanno lavorato e che si sentirebbero “oltraggiati” nel vedere che i loro compagni scansafatiche sono stati promossi, e potrebbero, l’anno dopo, fare meno anche loro.

E allora, non si potrebbe cambiare musica, provando a stravolgere tutto? I miei studenti sono studenti di istituto tecnico, i tuoi sono sicuramente più motivati. Però io stessa sono stata liceale…

View original post 770 altre parole

‘Through a glass darkly’ Part 3: OER, critical reflection and educators’ improved practice – some early evidence

Do OER prompt critical reflection by educators who use them, resulting in improved practice? Part 3 of my blog series on reflection moves from abstract theorisation to concrete evidence around OER Research Hub (OERRH) hypothesis E, which raises this very question.

JISC (2013) suggest that the use of OER ‘encourages open educational practice, allowing teachers to share, reflect upon and get feedback on their work’.  OERRH Hypothesis E focuses on the reflection component of this assertion. The first step in collecting evidence related to this hypothesis has been to find a definition for ‘critical reflection’. This has been something of a challenge, largely due to the myriad of definitions available and the nebulous nature of the reflection process itself, which exists only in the abstract until made concrete through external representation of the process and the consequences of that process (e.g. through reflection diaries and discussion with peers).

View original post 1.077 altre parole

Valutazione nel cMOOC #ltis13

Blog di Andreas Formiconi

Il laboratorio chiude per un breve periodo di vacanza, o più precisamente, socchiude per 15 giorni. Prima però vorrei dire due parole sulla valutazione effettuata ai fini del conferimento dei CFU a coloro che li hanno richiesti.

Per ogni richiedente sono stati rivisti:

  • tutti i post pubblicati sul proprio blog e i susseguenti commenti
  • i commenti fatti su http://iamarf.org
  • eventuali commenti fatti a seguito dei bookmark in Diigo
  • le tracce – non poche – di eventuali attività spontanee

Una gran mole di informazione per il valutatore. Informazione autentica perché la “libertà a cui i partecipanti sono costretti” può produrre solo farina del proprio sacco. Informazione ricca e autentica dunque, ma qualitativa. Riteniamo che questa sia l’informazione più importante ma non abbiamo trascurato la componente quantitativa, resa possibile dal tracciamento di tutte le attività svolte. Per ciascuno sono stati contati:

  • il numero di post scritti sul proprio blog
  • il numero di…

View original post 825 altre parole

E’ online SusyDiario versione 2.0!

SusyDiario

Più di 3 mesi di lavoro raccogliendo i suggerimenti emersi dai questionari compilati da insegnanti alunni e genitori e le suggestioni provenienti dagli insegnanti che lo usano nella didattica.

Molte nuove funzionalità per gli insegnanti, prima fra tutte la possibilità di comunicare e condividere: tra loro a con gli alunni.

Alcune nuove tecnologie introdotte che, oltre a permettere la realizzazione di nuove funzioni, offrono spazi per ulteriori arricchimenti che non mancheranno certo nei prossimi mesi, con l’inizio della scuola (alcuni per la verità le sto già meditando).

Un nuovo strumento di mappatura delle immagini (senza rinunciare affatto all’estrema semplicità d’uso: clic e scrivi!) dal quale è nata una nuova tipologia di moduli mentre su altre sto lavorando e saranno pubblicate nelle prossime settimane.

Nuova interfaccia più pulita e con tutto ciò che serve a portata di mano. Nuovo manuale dell’insegnante – completo di tutte le novità ben evidenziate – scaricabile…

View original post 31 altre parole

Non spariamo alle mamme

amentia verna

[Riflessione che nasce sulla scia della lettura di un post di Marina Passerini, qui. Il mio articolo si riferisce necessariamente all’unico ordine di scuola che conosco meglio: la scuola superiore di secondo grado]

Ebbene sì, devo confessarmi: sono una mamma. Sono una mamma tipica.
Ho sorvegliato che le cartelle fossero fatte. Ho preteso il rendiconto dei compiti svolti. Mi sono persino seduta a fianco delle mie figlie. Anni e anni.
Sono andata ai colloqui (lo stretto necessario), ho sostenuto le ragioni dei prof e taciuto quando non potevo farlo, mi sono arrabbiata quando i compiti erano troppi ma anche quando erano troppo pochi.
Non spariamo sui prof, ma non spariamo neppure sulle mamme.
Perché fare lo studente, di questi tempi, è difficile.

L’ho scritto anche altrove, che in questi tempi schizofrenici in alcune classi possono susseguirsi i personaggi più diversi: il prof in burn-out che si dimentica di parlare…

View original post 518 altre parole

10 things ESL students can do with Evernote on their tablets

Oxford University Press

Tablet in handsMohamed El-Ashiry takes a look at how Evernote can be used in the classroom

Portfolio assessment in the ESL classroom offers many benefits. On the Prince George’s County Public Schools’ website, a portfolio is defined as ‘a purposeful collection of student work that exhibits the student’s efforts, progress, and achievements in one or more areas of the curriculum’. Brown & Hudson (1998) have also described portfolios as a ‘family of assessments’. Some of the benefits of using portfolios, as described by Brown & Hudson (1998) include: (1) focusing student attention on learning processes; and (2) increasing student involvement in the learning processes. I have always been a fan of such ‘alternatives in assessment‘ because of the fact that they focus a lot more on the ‘process of learning’ as opposed to the ‘product of learning’ (Brown & Hudson, 1998).

Now that iPads and tablets are spreading into many…

View original post 808 altre parole

Lexia – Font gratuito ad alta leggibilità

Alessandra Chiaretta in Canalescuola

Lexia è un font gratuito, progettato per la massima leggibilità.
Può essere utilizzato liberamente senza licenza da parte delle istituzioni educative o di singole persone.
Per fare il download cliccare nella pagina sulla scritta in alto a destra.
Segnalato dall’ amica Luciettinella Maria Lucia Vecchia e da Anna La Guzza

Per il download: http://www.dafont.com/lexia.font

View original post