L’universo in una tazza di latte

Notecellulari

La mia lattaia si chiamava Jolanda: era una donna di quelle col fazzoletto in testa: tutte le mattine presto ci portava il latte a casa con un apposito bigonciolo di alluminio ben chiuso dal suo tappo. Jolanda mi sorrideva, le guance rosse, le mani da lavoratrice: infilava un mestolo nel contenitore e versava il latte direttamente nel nostro bollitore. Mi ricordo il profumo di quel latte ancora crudo. Sono sempre stata una che aspira i profumi, li cerca. Quel profumo lo porto con me e non finirà mai di rallegrarmi mentre mi rattrista tanto che abbiano trasformato il latte in un alimento troppo spesso velenoso. Proprio il latte. Proprio lui. Oggi il latte non è arriva più dalle nostre mucche, splendide creature generose, ma di qualche infame multinazionale che lo inquina con tanta porcheria che ci intossica anche i bimbi.

View original post

Pubblicato da soudaz

Mi piace fare bene ciò che faccio: tra il farlo bene e il farlo male si spende la stessa energia, per cui.... anche se l'errore mio fa parte integrante del mio apprendimento e miglioramento continuo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: